Tag Archives: prefettura

Coordinamento Comitati Fuochi:resoconto dell’incontro tenuto in Prefettura a Napoli il 23 agosto

24 Ago

L’incontro avvenuto il 23 Agosto in Prefettura ancora non va nella giusta direzione. Persiste una asimmetria tra le questioni concrete in essere, le proposte costruttive fatte dai Comitati e la stanca liturgia consumata dalle Istituzioni. Troppa formalità vuota rispetto ad un problema di una gravità inaudita e che non ha riscontro nella storia recente del Paese. I Comitati denunciano con forza una azione scientifica e pianificata di genocidio da parte della criminalità organizzata, e nella riunione si procede come per qualsiasi altra emergenza che viene posta sui tavoli istituzionali.

Colpisce l’assenza politica di un interlocutore fondamentale nella questione che è laRegione Campania (erano presenti solo dei funzionari); la qual cosa da un lato dà contezza di quanto poco importante fosse ritenuto l’incontro da parte della massima istituzione campana, dall’altro denuncia la reticenza della Regione ad affrontare il problema, forse perché, implicitamente, essa è parte del problema stesso: si pensi alla legge regionale che consente l’ingresso in Campania di rifiuti tossici ed industriali in assenza di impianti di smaltimento.

L’incontro, esattamente in linea con quelli svolti negli ultimi due anni con i tavoli tecnici Prefettura-Comuni, è stato caratterizzato dal solito giuoco delle parti in cui il Prefetto sprona le Amministrazioni locali ed i Sindaci affinché facciano ciò che loro compete e i Sindaci che torneranno a casa e come sempre non faranno assolutamente nulla perché non saranno messi nelle condizioni di fare nulla, esattamente come prima, e avremo perso tempo. Questa è la sensazione più diffusa, a sentire le stesse impressioni degli amministratori locali nel post-incontro.

Questo incontro è stato caratterizzato da un unico elemento di discontinuità rispetto al passato: proprio la presenza del Coordinamento dei Comitati ha rappresentato l’elemento nuovo. Il Comunicato diffuso e ribadito in quella sede dai referenti del Coordinamento è molto chiaro: Il problema dei roghi e dello sversamento di rifiuti tossici è ascrivibile unicamente allo smaltimento occulto di rifiuti industriali di attività commerciali ed industriali, campane e nazionali, che operano in regime di evasione fiscale. Tale problema va risolto sia a livello Nazionale che Locale. Ebbene, nell’incontro tutti hanno parlato solo degli interventi locali, peraltro col Prefetto che scarica tutte le responsabilità sui Comuni. Solo i Comitati hanno posto l’accento sulla necessità che il Prefetto si faccia portavoce verso il Governo Nazionale per l’istituzione immediata del Sistema nazionale Satellitare di Tracciabilità dei flussi di rifiuti industriali, per l’inasprimento delle pene per questi reati e per la necessità di azzerare immediatamente tutte le possibilità di trasporto su gomma intra ed extra regionale di rifiuti industriali. Vogliamo che il Prefetto dia seguito a queste richieste e gliene chiederemo conto al prossimo incontro fissato tra 45 giorni (che ci sembrano un po’ troppi per garantire altra azione indisturbata a chi appicca roghi).

Quello che rileviamo mancare a livello locale, ed è emerso in maniera chiara nell’incontro, è la NON volontà di istituire una CABINA DI REGIA centralizzata, con responsabilità ristretta, magari proprio in capo al Prefetto, per coordinare operativamente le operazioni di messa a fattor comune delle risorse umane di forze dell’ordine, polizia locale, guardie ambientali, polizia provinciale (da potenziare) etc. per il presidio e il monitoraggio costante del territorio. Secondo il Coordinamento Comitati Fuochi è infatti necessario, per l’efficacia dell’azione di presidio del territorio, non lasciare ai singoli Comuni l’iniziativa ma centralizzarne il nucleo operativo da un punto di vista organizzativo, sia per il pattugliamento che per la videosorveglianza e catalizzazione denunce da parte dei cittadini (con istituzione di un numero verde, sito web, etc.). Solo in questo modo ci si può garantire la copertura efficace delle zone di confine e nei luoghi di maggiore diffusione del fenomeno. Se entro i 45 giorni non ci saranno segnali forti per giungere ad una cabina di regia che prevenga il fenomeno non vorremmo vederci costretti, nostro malgrado, a richiedere al Prefetto anche un coinvolgimento del Ministero della Difesa nell’attività di pattugliamento e monitoraggio.

Unica nota positiva dell’incontro, ma ci sembra francamente un po’ poco, la notizia che il Prefetto ha dato incarico alla Questura di avviare un’azione di verifica e repressione del fenomeno dello sversamento di rifiuti di lavorazione del pellame, dei tessuti e dei prodotti agricoli agendo direttamente sui produttori campani. E’ solo un tassello e non può essere sufficiente. Il Coordinamento Comitati Fuochi sarà presente ai prossimi incontri proprio per certificare eventuali passi avanti, improbabili nell’immediato, per denunciare le mancanze e soprattutto essere di stimolo con le proprie proposte. Intanto il Coordinamento va avanti con la raccolta firme e a settembre depositerà la denuncia/querela verso il Presidente della Regione, Province di Napoli e Caserta e una quarantina di Comuni. Andiamo avanti con le denunce dei singoli cittadini e l’azione di stimolo verso le istituzioni. Il cammino è ancora lungo ma non ci scoraggiamo.

Napoli, 24 agosto 2012

COORDINAMENTO COMITATI FUOCHI

Annunci