Tag Archives: giuseppe esposito

Il Maggio dei Nocumenti – di Giuseppe Esposito

23 Mag

Annunci

Secondo Natura: il video integrale ed il commento del nostro vicepresidente Giuseppe Esposito

7 Apr

L’incontro di Afragola con il Prof. Connett e Padre Zanotelli, lo scorso 28  marzo, la straordinaria partecipazione della cittadinanza, ha chiaramente indicato quale sia il percorso da intraprendere, quale soluzione dare all’annosa, mortifera gestione dello smaltimento dei rifiuti.

Credo rimanga della serata, nella sua straordinaria semplicità, l’immagine delle mani. Quelle mani che il professore ha più volte nascosto nelle maniche della giacca per significare come i poteri costituiti (politico, industriale, finanziario) ritengano, per malcelati interessi, che i cittadini ne siano sprovvisti; incapaci quindi del piccolo atto del separare…

Un contenitore di plastica è un rifiuto? lo è forse un foglio di giornale? una bottiglia di vetro? un tostapane rotto? o magari gli scarti della verdura? E’ rifiuto se li metti tutti insieme, ed è stupido seppellirli o bruciarli.

‘Stupid’, parola più volte pronunciata da Connett, richiamando l’insostenibilità di quella linea retta, che sottende l’attuale modello economico, che va da estrazione – produzione – consumo – smaltimento in discarica/inceneritore, in contrapposizione alla circolarità degli equilibri naturali. Modello energivoro e dissipatore di risorse, che genera inquinamento, altera il clima.

Concetto ribadito ed enfatizzato da padre Alex Zanotelli che ha esortato tutti, prima che sia troppo tardi, a prenderne coscienza. Padre Alex ha posto al centro della sua riflessione la crisi ambientale globale e l’assenza di risposte da parte degli organismi internazionali e dei governi. Solo i cittadini, dal basso, organizzandosi ed opponendosi alle scellerate politiche dei poteri decisori possono efficacemente contrastarle e fermarle, riprendendo in mano il proprio futuro. Continua a leggere

Secondo Natura – grande successo per l’incontro con Paul Connett ed Alex Zanotelli

3 Apr

Questo slideshow richiede JavaScript.

Grande successo per l’incontro con il Prof. Paul Connett e con Padre Alex Zanotelli tenutosi il 28 marzo scorso, nella sala Padre Ludovico del Santuario S. Antonio di Afragola.

Il prof. Paul Connett ci ha descritto la rivoluzionaria strategia ‘Rifiuti Zero 2020’ che in California sta ottenendo risultati eccezionali, seguita a ruota da altri paesi del mondo tra cui anche l’Italia, dove sono già 200 i Comuni ad aver deliberato un protocollo di sottoscrizione alla strategia. Napoli è la città più grande d’Europa ad aver sottoscritto il protocollo ed essersi data questo ambizioso obiettivo a fine anno scorso.

L’intervento di Paul Connett è stato come sempre di straordinaria energia ed estremamente coinvolgente.

Anche Padre Alex Zanotelli, ormai da anni impegnato in problematiche sociali del nostro territorio, ha dato un contributo di grande valenza spirituale all’incontro.

Sono poi intervenuti: Franco Matrone della Rete Comitati Vesuviani, Giuseppe Esposito Vicepresidente del nostro Comitato e Virginia Petrellese delle ‘Donne del 29 Agosto’ di Acerra.

Il 28 Marzo abbiamo iniziato a tracciare un percorso, lungo e travagliato, ma che ci fa intravedere in maniera chiara un obiettivo, che per quanto distante possa essere considerato rappresenta un obiettivo che riteniamo assolutamente raggiungibile con grande impegno da parte di tutti.

I cittadini ce la metteranno tutta, incidendo in maniera netta anche sull’imprenditoria e sulla politica. Non è utopia, ne sono sicuro e lo dimostreremo.

Lucio Iavarone – presidente del Comitato No Discariche dei Comuni a Nord di Napoli

Intervista al vicepresidente del nostro comitato Giuseppe Esposito

28 Nov

Ci racconta il come e il perché della nascita del Comitato “No Discariche a Nord di Napoli”?

Il Comitato nasce ufficialmente a gennaio di quest’anno ed in origine la sua denominazione era ‘Comitato No Discariche ad Afragola’. Esso nasce sulla scia dell’ ennesima emergenza rifiuti vissuta da Napoli e dalla sua provincia e delle notizie che volevano Afragola sede di un discarica. E’ stata forte l’indignazione nella cittadinanza ed in tanti abbiamo ritenuto che fosse giunta l’ora di dire la nostra. Con il passa parola abbiamo cominciato a vederci a discutere ed infine ad organizzarci.

Perchè il cambio del nome del Comitato?

All’inizio in tanti erano spinti da un atteggiamento nimby (acronimo di “not in my backyard” – non nel mio giardino – n.d.r.) contro la paventata discarica ad Afragola, poi è cresciuta la consapevolezza che non basta difendere il proprio giardino per ritenersi salvi, che il problema va affrontato nella sua interezza, che era ed è necessario contrastare a qualsiasi livello e dovunque si propongano le scelte scellerate di devastazione del territorio, attentato alla salute, spreco di risorse e di denaro pubblico. Abbiamo quindi scelto una denominazione che, vista anche la presenza nel comitato di cittadini di comuni limitrofi, desse di più il segno dei nostri intenti e che all’interno della Rete dei Comitati Campani avesse una sua peculiarità anche nel sostegno alla lotta dei comitati acerrani contro il mostro seminatore di morte che è l’inceneritore di Acerra.

Quale bilancio fa di questo primo anno di vita del Comitato?

Un bilancio più che positivo. Il comitato è cresciuto è maturato, ha degli obiettivi ben precisi che persegue con determinazione. Siamo passati dalla protesta alla proposta, mi riferisco al nostro piano rifiuti presentato alla città ad inizio mese, e siamo stati protagonisti, insieme a Rifondazione Comunista, ai Giovani Democratici e a Italia Dei Valori, della stagione referendaria in difesa del bene comune acqua che ha portato al voto, spontaneo e non condizionato da interessi di bottega, il 47% degli elettori afragolesi. Inoltre abbiamo allacciato rapporti e tessuto reti sia a livello locale con le associazioni presenti sul territorio sia in ambito provinciale e regionale con i comitati che condividono la nostra battaglia per la sostenibilità ambientale del ciclo dei rifiuti. C’è stato un’arricchimento anche umano, personale. Nel comitato convivono molte anime, gente che viene da esperienze diverse, di diversa cultura e sensibilità, che attraverso l’esercizio della democrazia assembleare trovano e non mediano posizioni comuni e condivise. Siamo fortemente convinti della necessità di percorsi di democrazia partecipata, che le istanze dei cittadini trovino cioè una sponda sensibile e permeabile nell’ amministrazione pubblica. Continua a leggere

“Il manifesto” parla della Rete Commons ed anche del nostro Comitato

20 Feb

Riportiamo un articolo apparso nell’edizione di domenica 20 febbraio del “Manifesto” e riguardante le attività delle rete “Commons”, alla quale aderisce anche il nostro Comitato. All’interno dell’articolo sono riportate anche le dichiarazioni di alcuni dei nostri esponenti.

COMMONS, UNA RETE PER I BENI COMUNI IN CAMPANIA

Movimento IN COMUNE

Comitati antidiscarica, centri sociali, Comitati antidiscarica, centri sociali, movimenti per l’acqua pubblica. Nasce a Napoli una rete civica per coordinare le vertenze territoriali. Con la solidarietà dei No Tav, dei No Dal Molin e dei comitati aquilani. Così l’Italia che resiste comincia ad autorganizzarsi. In nome della difesa dei beni comuni dal mercato e dalla cattiva politica

Nella stanza a piano terra del centro sociale “Insurgencia”, a Capodimonte, sabato c’erano due stufette e panche lungo tutti i lati delle pareti. I posti occupati dai comitati antidiscarica di Chiaiano, Mugnano, Afragola. La riunione era parte del processo di costruzione di Commons!, la rete civica per i beni comuni (commons.altervista.org). I nodi sono le realtà territoriali cresciute nelle esperienze di lotta lungo sedici anni di emergenza rifiuti, ma anche nelle battaglie per l’acqua pubblica. Come si è costruita l’esperienza lo raccontano gli attivisti del presidio della rotonda Titanic, donne e uomini con un’età che va dai settanta ai venti anni: “Abito a meno di un chilometro dalla discarica di Chiaiano – racconta Susanna, 47 anni – e faccio parte di quella marea di singoli che per mesi nella primavera del 2008 è scesa a protestare, militarizzazione del territorio contro cittadinanza. Era come vivere sotto assedio, elicotteri, blindati, sembrava un golpe. Però non ci siamo spaventati, nonostante lacrimogeni e cariche. E’ pericoloso quando provi a spezzare con la forza il dissenso e non ci riesci, perché poi la gente prende coscienza e smette di avere paura”. Hanno vedette che monitorano costantemente la discarica di via Cupa del Cane, loro hanno scoperto per primi, giorni fa, che la tubatura del percolato era rotta, che trivelle andavano e venivano dall’invaso. Lavori per un ampliamento che farà ingrossare di tal quale il sito oltre l’annunciata chiusura, questa primavera.

In cinquanta circa formano lo zoccolo duro, quelli che – compatibilmente con famiglia, studio e lavoro – tengono viva l’organizzazione, ma quando serve parte il tam tam via telefono e facebook e allora arrivano anche gli altri, da Chiaiano, Marano e Mugnano a dare testa e gambe alla protesta.. Il 14 dicembre erano in corteo a Roma, si votava la fiducia al governo: “Mi ero portata un sacchetto di rifiuti apposta da Napoli – racconta Palma, una signora bruna con la sua borsetta di stoffa piena di caramelle che distribuisce ad ogni incontro – Quando siamo arrivati davanti la sede della Protezione civile stavano chiudendo il portone ma io ho fatto un lancio magistrale e l’ho buttato dentro”. Tra generazioni riescono a capirsi altrimenti ci sono i figli a fare da mediatori culturali. Erano in tanti anche a L’Aquila, dove sono andati a protestare due volte, “la seconda, lo scorso novembre, è stato peggio – raccontano – le bugie si erano sgonfiate e lo stato d’abbandono faceva crescere la rabbia. Tutti vittime della cricca con la sua economia di rapina, come in Campania. Per stemperare la tensione abbiamo mangiato per tutto il viaggio di ritorno”. Avevano escogitato un metodo per finanziare le attività: per due anni il commissariato straordinario ha pagato i cittadini che conferivano plastica, metalli e carta e loro hanno organizzato una raccolta capillare. Così è stato lo stesso commissariato a finanziare il loro dissenso. Protagonisti delle manifestazioni in Italia, hanno anche ricevuto comitati e solidarietà dai No Tav e No Dal Molin, tutti poi quest’inverno a Terzigno insieme alle Donne in nero, agli aquilani e ai gruppi antidiscarica laziali. La geografia dell’Italia che, mentre resiste, si organizza.

Sono loro che si impongono ai tavoli con Regione e provincia: “Il piano integrato è questo, se siete venuti a chiedere il piano virtuoso avete capito male. Qui rivoluzioni copernicane non se ne fanno” è quello che si sono sentiti dire venerdì scorso dall’assessore provinciale all’Ambiente, Giuseppe Caliendo. Una discussione tra sordi: ormai pezzi di Italia, come Capannori nel lucchese e Vedelago in Veneto, dimostrano che la strategia rifiuti zero è facilmente praticabile, ma in Campania si procede con i termovalorizzatori: il governatore Caldoro ha nominato il commissario per l’inceneritore di Napoli est, Alberto Carotenuto (preside di ingegneria all’Università Parthenope), e quello alle discariche, il viceprefetto Annunziato Vardè. Così continueremo ad avere bisogno di buchi in cui riversare tonnellate di rifiuti, a ciu poi si aggiungeranno le ceneri tossiche. Al Comune di Napoli il compito di indicare due siti di trasferenza, sul tavolo le proposte Ponticelli e Scampia, nell’area ex Centrale del latte, una zona dove da anni i comitati hanno presentato propri piani di rilancio. Per le discariche in pole position Nola ed Afragola. La prima dovrebbe accogliere l’immondizia dei comuni del comprensorio. Preoccupati gli afragolesi, alle prese con il sindaco Pdl Vincenzo Nespoli, indagato per bancarotta fraudolenta e reimpiego di denaro illecito: “Quando ci siamo presentati per chiedere spiegazioni – raccontavano sabato – ci ha detto che non ci avrebbe mai ricevuti, perché ci chiamiamo comitato no discarica. Siamo decisi a opporci e non ci scioglieremo neppure se l’invaso non si dovesse fare, vogliamo continuare a lottare per il piano virtuoso. con queste istituzioni è fondamentale vigilare”.

Adriana Pollice – “Il Manifesto” del 20 febbraio 2011

 

Il Comitato aderisce alla Rete Commons

12 Feb

Il Comitato No discariche dei Comuni a Nord di Napoli aderisce a ‘Commons’ Rete dei Comitati per i Beni Comuni di Napoli e provincia. Commons nasce con lo scopo di riunire le realtà associative ed i comitati che lottano per le tematiche ambientali, contro il nucleare e per la pubblicizzazione dell’acqua nonchè contro discariche ed inceneritori.
La rete non vuole sostituirsi ai singoli comitati, anzi li esorta a continuare la loro azione sui territori. Commons vuole essere momento di unificazione, soggetto che si fa carico di problematiche generali e promotore di alternative a livello regionale, come  ad esempio il piano alternativo dei rifiuti, sul quale si cercheranno convergenze con la società civile, l’associazionismo, il mondo del lavoro.

All’incontro della rete tenutosi sabato 12 febbraio presso la sede del Laboratorio Insurgencia di Via Vecchia S. Rocco 18, a Napoli, per il nostro Comitato hanno partecipato Giuseppe Esposito, Enzo Amistà ed Anna Fabiano.

Il Comitato partecipa alla grande manifestazione di Quarto: no alle discariche, a Cava Spinelli come altrove

29 Gen

 

Ecco il testo del servizio realizzato in occasione della manifestazione tenutasi a Quarto sabato 29 gennaio 2011:

 

 

Associazioni, partiti politici, sindacati, comitati e semplici cittadini del territorio di Quarto e delle zone limitrofe si sono dati appuntamento sabato 29 gennaio, per protestare contro l’ipotesi, avanzata dalla Provincia di Napoli, dell’apertura di una discarica nel sito di Cava Spinelli, nell’immediata periferia del comune flegreo. Oltre a questo, però, gli obiettivi principali della manifestazione erano, da un lato, quello di dire un no generale alla logica di un ciclo dei rifiuti basato su discariche ed inceneritori che fino ad oggi ha solo devastato il territorio della Campania e permesso l’infiltrazione delle organizzazioni criminali, e dall’altro, quello di informare la popolazione sulle possibilità e sui vantaggi di una gestione virtuosa di tale ciclo, basata su riduzione a monte, raccolta differenziata, riciclo e riuso dei materiali, ed attuata attraverso la costruzione di isole ecologiche, impianti di compostaggio e recupero dei materiali a basso impatto ambientale, sul modello di quello attualmente in funzione nel Comune veneto di Vedelago. Una gestione che preveda magari anche, al posto dell’attuale TARSU, Tassa sui Rifiuti Solidi Urbani basata sui metri quadrati degli immobili condotti, l’istituzione di una TIA, Tariffa sull’Igiene Ambientale basata invece sulle quantità di rifiuti effettivamente prodotti dai singoli cittadini, che andrebbe a premiare gli utenti più virtuosi in materia di gestione dei rifiuti.

Il corteo, partito alle ore 14 dalla Villa Comunale, ha attraversato alcune delle principali strade cittadine, tra cui la centralissima Via Campana, per concludersi proprio all’ingresso della cava. Davvero massiccia l’affluenza, stimata in oltre diecimila persone, così come la partecipazione delle organizzazioni della società civile, dalle associazioni ambientaliste come Legambiente ed il WWF, ai sindacati come CISL e CGIL, ai partiti politici, fino ai comitati No discarica nati in questi anni sui territori più devastati dalla tragica emergenza rifiuti come Chiaiano, Pianura, Giugliano, Terzigno ed Acerra. E tra questi ultimi c’era anche un rappresentanza del Comitato No Discariche dei Comuni a Nord di Napoli, che ha sfilato con un cartello che testimoniava la sua solidarietà e vicinanza agli abitanti di Quarto e che ha ricevuto per questo sentiti apprezzamenti da parte di alcuni dei partecipanti al Corteo.