Tag Archives: discariche

Cittadini campani per un piano alternativo dei rifiuti: la Commissione Europea risponde alle osservazioni al PRGRU della Campania

2 Dic

Negli scorsi mesi, la Regione Campania ha elaborato una proposta di Piano Regionale de Gestione dei Rifiuti Urbani, pubblicata nel Bollettino Ufficiale n.21 del 30 marzo 2011.  Questo documento dovrebbe fornire alla regione tutte le direttive in materia di gestione dei rifiuti urbani, dall’organizzazione della raccolta differenziata alla programmazione riguardante l’impiantistica necessaria all’attuazione del Piano. Ancora una volta, però, come si legge nel documento, la Regione ha puntato fortemente su un ciclo dei rifiuti basato su discariche ed inceneritori, tipologie di impianti che non vanno affatto nella direzione di un ciclo dei rifiuti che sia virtuoso ed ecosostenibile. È questo il motivo per cui  la rete dei Cittadini Campani per un piano alternativo dei rifiuti ha a sua volta elaborato un articolato documento contenente una lunga serie di osservazioni al Piano e lo ha inviato alla Commissione Europea nell’agosto 2011. Nei giorni scorsi, la Commissione Europea, dopo averlo esaminato ha risposto con una lettera indirizzata alla rete dei Comitati, che vi invitiamo a leggere.

Annunci

L’accordo trabocchetto

10 Nov

L’Accordo tra Provincia di Napoli e Comuni dell’area Acerrana (Acerra,Caivano, Casalnuovo di Napoli, Casoria, Crispano, Frattaminore, Pomigliano D’arco e Volla) sulla gestione rifiuti, che prevede l’istituzione di ben 3 cave (1 ad Acerra e 2 a Casoria) È STATO FIRMATO DA TUTTI I SINDACI!! Ma proprio tutti! Compreso il Subcommissario di Acerra (che non ha un’aministrazione) e che si permette di decidere per gli Acerrani una cosa così importante.

Questo accordo, perdente per i Comuni, prevede l’uso di queste cave abbandonate sul nostro territorio per colmarle con Rifiuti Proveniente dalla lavorazione degli STIR (Frazione Umida Tritovagliata biostabilizzata). In altri Termini DISCARICA…un FOSSO (perché tali sono) dove buttarci la monezza.

Questa volta la provincia ha “nobilitato” tutta l’operazione non parlando di discariche ma di cave abbandonate, e di operazioni di ripristino ambientale utilizzando la Frazione Umida Tritovagliata biostabilizzata per colmare le cave.

Premesso che il rifiuto a cui si fa riferimento nell’accordo (Codice CER 19.05.03) è “compost fuori specifica”, ricordiamo che ai sensi del Decreto Ronchi n.22/1997 (art. 6), il compost fuori specifica risulta un rifiuto a tutti gli effetti, solo che non puzza, quindi dovrebbe per norma andare in una discarica (in uso). La possibilità di utilizzare tale materiale per la ‘ricomposizione ambientale’ di cave, è consentito sono grazie ad un decreto legge ad hoc (D.L. 26 novembre 2010 n. 196 … la storia si ripete.. Decreto legge per bruciare di tutto nell’inceneritore di Acerra) previa autorizzazione delle regioni. Inoltre tale pratica è stata oggetto di studi negli ultimi venti anni, ed i risultati sono sempre vincolati da severi controlli di qualità sul prodotto utilizzato. In particolare per definire il materiale umido come “compost fuori specifica”, esso deve rispondere a precisi criteri di qualità, per esempio rispetto alle concentrazioni massime di metalli pesanti (nichel, cromo, cadmio etc) e di inerti (plastiche e vetri), un certo grado di umidità etc.. Una volta verificata la qualità del biostabilizzato, va verificata la compatibilità con il terreno/cava di destinazione (molto genericamente indicato nell’accordo), valutando: le caratteristiche chimiche del sito, la presenza di metalli pesanti , la vicinanza con corsi d’acqua o ad aree a riserva naturale. Una volta caratterizzati il sito ed il materiale va studiato la giusta miscelazione del materiale biostabilizzato con altri materiali inerti (terre di coltivo e di sbancamento, altri materiali di recupero) allo scopo di far rientrare sempre nei limiti di legge il terreno ed il sottosuolo anche dopo la ricomposizione. Ulteriore perplessità nasce dalla dichiarata intenzione di eseguire non superficiali ricomposizioni di cave, bensì veri e propri riempimenti con tale materiale. Studi come quello dell’Apat (Agenzia per la protezione dell’ambiente e per i servizi tecnici) e quello della Regione Piemonte prendono in considerazione ricomposizioni per profondità limitate (1 metro circa), dichiarando che per profondità ulteriori i pericoli di inquinamento da metalli pesanti aumentano considerevolmente.

A questo punto ci chiediamo a che serve denunciare il disastro ambientale dei nostri territori, a che serve chiedere le bonifiche se NON ASCOLTANO!! loro creano la discarica parlando di ricomposizione ambientale di cava abbandonata, non importa se si fa con materiale altamente contaminato tanto si tratta di Acerra e dintorni! Inceneritore, Industrie Insalubri, Eco Balle…e poi alla prossima emergenza rifiuti un buco dove buttarci di tutto fa sempre comodo, a quel punto basta un’ordinanza del presidente Cesaro.

Un ringraziamento speciale, infine, va alla gestione commissariale del comune di Acerra, che con il suo atteggiamento “Pilatesco”, tra scuola e ambiente st lasciando una bella eredità ai cittadini Acerrani…GRAZIE !!

Ancora peggio Casoria, che un Sindaco ce l’ha!!! E firma anche l’improponibile mettendo forse una cambiale sulle spalle dei Casoriani! E’ UNA VERGOGNA!

COMITATO NO DISCARICHE COMUNI A NORD DI NAPOLI

Comunicato stampa del Comitato No Discariche dei Comuni a Nord di Napoli

8 Nov

Provincia di Napoli e Regione Campania tendono un ‘trabocchetto’ sulla gestione rifiuti ai Comuni dell’area Acerrana.

I Comuni in questione sono: Acerra, Caivano, Casalnuovo, Casoria, Crispano, Frattaminore, Pomigliano D’Arco e Volla. La Provincia, FINGENDO di mutuare su detti Comuni l’Accordo di programma già concluso con successo con i paesi Vesuviani (quello sì che è un accordo tendente ad un piano virtuoso), tende un ‘trabocchetto’ ai comuni dell’area acerrana.

Nell’accordo di programma in questione, che si tenta di imporre, si finge solamente di voler puntare ad un ciclo virtuoso ma in effetti l’unico evidente OBIETTIVO è il seguente:

LIBERARE GLI STIR DI GIUGLIANO E TUFINO DALLA FRAZIONE DI RIFIUTO CER 19.05.03 (compost fuori specifica), quindi umido percolante a tutti gli effetti (sappiamo benissimo cosa c’è oggi in quegli stir), per utilizzarlo quale biostabilizzato (ma lo è veramente?) in 3 cave individuate ad Acerra e Casoria. Il risultato sarà LE ENNESIME DISCARICHE SUL NOSTRO TERRITORIO!!!!!!

BASTA!!!! SPERIAMO CHE I SINDACI DEGLI 8 COMUNI DELL’AREA ACERRANA NON FIRMINO QUESTO ACCORDO MA COLGANO QUESTA OCCASIONE PER PROPORNE UNO VIRTUOSO SULLA STESSA LINEA DI QUELLO DEI PAESI VESUVIANI, DOVE SI RINNEGA CON CHIAREZZA CHE IL SISTEMA DI SMALTIMENTO ‘ARCAICO’ LEGATO AI ‘FOSSI’ (ancorché nobilitati quali ‘ripristino ambientale di siti degradati’ dove conferire rifiuti presenti negli STRIR), E’ UNA LOGICA AMPIAMENTE PERDENTE E SONO PRONTI AD IMPEGNARSI TOTALMENTE SU UN PIANO DI DIFFERENZIATA E IMPIANTISTICA VINCENTE!!

COMITATO NO DISCARICHE COMUNI A NORD DI NAPOLI