Tag Archives: comitati

Il report completo dell’incontro del Coordinamento Comitato Fuochi dell’11 luglio a Frattamaggiore

12 Lug

Il giorno 11 Luglio si è svolto presso la sede di Cantiere Giovani a Frattamaggiore (C.so Durante) l’assemblea del coordinamento Comitato Fuochi di Napoli, Provincia di Napoli e Provincia di Caserta.

Erano presenti all’incontro una cinquantina di persone rappresentanti di vari comitati o associazioni del territorio facenti parte del coordinamento (in coda la lista dei presenti).

1)      Il dott. Luigi Costanzo (Frattamaggiore) ha introdotto l’incontro esponendo ciò che è stato fatto e rilevato durante la mattinata:

  • Insieme a Lucio Iavarone, Padre Maurizio Patriciello, Enzo Amistà ed un giornalista del Corriere della Sera, ci si è recati presso i campi ROM di Caivano e Casoria (limite zona Ikea). Oggetto dell’incontro con entrambi è stato quello di far rendere conto loro della gravità della situazione ambientale nelle zone  in cui dimorano e della convinzione, oramai diffusa dell’opinione pubblica, che sono i primi attori dei roghi che si sprigionano nelle zone di Caivano e Casoria- Afragola;
  • Il degrado in cui vivono i rom è spaventoso e l’emarginazione a cui sono costretti è evidente. Nei campi molto spesso manca la corrente e l’acqua, non c’è nessuna forma di legalità, i bambini vivono scalzi e molto spesso nudi nei campi, molti sono intenti a differenziare tutto ciò che viene loro recapitato o che loro raccolgono e quello che non serve è solo da bruciare in qualsiasi ora della giornata avvelenando loro stessi e gli altri;
  • Sono l’anello terminale di un sistema di delinquenza che non si fa scrupoli di niente, assoldando i rom per pochi euro per poter bruciare e distruggere tutto ciò che è illegale dai rifiuti industriali, carcasse di auto, ruote, frogoriferi etc.
  • Il motivo di essere in quei posti è stato quello di prendere contatti per sensibilizzarli sul fatto che così rovinano prima di tutto le loro vite ma attentano anche a quelle degli altri e che se continuano così saranno sempre oggetto di degrado e di colpevolizzazione da parte della collettività.  Qualcuno ha chiesto medicine perché ovviamente non hanno assistenza sanitaria ed impossibilitati a comprarle, qualcuno altro ha chiesto che venissero installati acqua e luce nei campi;
  • La nostra proposta è di tentare di coinvolgerli in un percorso educativo portandoli pian piano “dalla nostra parte”. Un progetto ambizioso senza sicurezza di riuscita. Per perseguire questi scopi si propone di convocare un incontro del coordinamento all’interno del campo rom di Caivano.

Lucio Iavarone (Afragola) ha proposto di promuovere questo dialogo con le comunità ROM tra i punti della strategia del Coordinamento. Si è aperto il dibattito su questa questione e sono state espresse opinioni discordanti circa l’efficacia o meno di un’azione del genere. Rispetto a questo punto è intervenuto Lino Chimenti (Scampìa) il quale comunica che un’azione simile è stata già intrapresa dal suo comitato in particolare presso il campo rom di Scampia posto sotto il cavalcavia, campo rom di 800 persone. Lino ha mostrato un documento presentato alle istituzioni nel 2009. Anche in quel caso c’è stato un tentativo di coinvolgimento alla legalità. Sono state raccolte oltre 150 firme di cittadini rom ma poi non si è ottenuto nessun risultato in quanto le istituzioni non  hanno mantenuto le promesse fatte loro.

Stessa osservazione arriva da Giovanni Caruso (Giugliano), dove sono state intraprese nel passato azioni del genere senza ottenere risultati.

Gli interventi sono stati sia a favore (Antimo Ceparano da Casalnuovo) che contro la convenienza di questo tipo di intervento visti i precedenti.  Salvatore Passariello (Acerra) ritiene non opportuno concentrare molte risorse verso questo filone di azione. Al fine della discussione su questo punto si preferisce soprassedere per il momento ed eventualemnte decidere nei prossimi incontri.

2)      Lucio Iavarone ribadisce quanto espresso in precedenza e comunica che all’ordine del giorno c’è il primo punto della strategia: la discussione sull’atto da presentare alle istituzioni con raccolta firme collettiva.

Si passa quindi alla discussione sulla forma da dare all’atto con la raccolta firme da allegare alla comunicazione preparata dall’avv. Ambrogio Vallo (Caivano) cioè un esposto-denuncia o querela da inviare alle istituzioni dalla Regione, alla Provincia e Comuni, comprese istituzioni nazionali. La discussione si articola in merito alla decisione di rendere il documento una querela verso i sindaci ed amministratori dei comuni interessati al disastro ambientale con i cittadini parte lesa oppure se renderlo come un semplice esposto senza querelare esplicitamente.

Viene svolta la votazione per alzata di mano e la decisione risulta essere la seguente:

L’atto avrà forma di QUERELA e le parti querelate saranno le istituzioni locali a partire dal Presidente della Regione fino ai singoli sindaci dei Comuni interessati.

Il documento viene così approvato in questa forma e si da mandato all’avv. Vallo di effettuare le modifiche richieste e quindi renderlo definitivo. Continua a leggere

Annunci