Tag Archives: caivano

Coordinamento Comitati Fuochi: assemblea-presidio al campo Rom di Caivano

23 Lug

COME PREANNUNCIATO, IL COORDINAMENTO COMITATI FUOCHI NON VA IN FERIE E NEL MESE DI AGOSTO OPTERÀ PER INCONTRI ITINERANTI NELLE PROVINCE DI NAPOLI E CASERTA CON LA FORMULA DELLE ASSEMBLEE-PRESIDIO.

QUESTO PER FAR SENTIRE FORTE LA PRESENZA DEI CITTADINI COL FIATO SUL COLLO A CRIMINALI E ISTITUZIONI SEMPRE PIÙ ASSENTI SUL PROBLEMA ROGHI TOSSICI.

MERCOLEDÌ 25 LUGLIO, ORE 19, LA PRIMA ASSEMBLEA-PRESIDIO SARÀ TENUTA IN VIA CINQUEVIE A CAIVANO-AFRAGOLA FUORI AL CAMPO ROM.

L’ASSEMBLEA È APERTA A TUTTI. È RICHIESTA LA PRESENZA DELLA STAMPA.

DUE I MESSAGGI IMPORTANTI CHE IL COORDINAMENTO INTENDE STRASMETTERE:

1) NON ABBIAMO ALCUNA INTENZIONE DI INNESCARE UNA GUERRA TRA POVERI, I ROM NON SONO ALTRO CHE L’ULTIMO E DEBOLE ANELLO DI UNA CATENA CRIMINALE BEN PIU’ ESTESA. IL NOSTRO OBIETTIVO NON E’ FARE LA GUERRA AI ROM MA TOGLIERGLI IL ‘LAVORO SPORCO’

2) IL COORDINAMENTO NON SI SOSTITUISCE ALLE ISTITUZIONI MA E’ QUI PER DENUNCIARE, SENSIBILIZZARE E SPINGERE LE ISTITUZIONI A FARE IL PROPRIO DOVERE. NON AVALLIAMO ALCUNA INIZIATIVA IN SOSTITUZIONE DELLE ISTITUZIONI, QUINDI NON ACCETTIAMO IPOTESI COME AD ESEMPIO L’ISTITUZIONE DI RONDE, UN MECCANISMO CHE SUL NOSTRO TERRITORIO PUO’ SOLO ESSERE MOLTO PERICOLOSO. QUINDI IL COORDINAMENTO COMITATI FUOCHI NON PRENDERA’ MAI UNA DECISIONE DEL GENERE

SARANNO COMUNICATE PRESTO LE DATE DI AGOSTO CON I LUOGHI DELLE ASSEMBLEE.

Annunci

Mercoledì 4 luglio parte il Coordinamento Comitati Fuochi

29 Giu

Martedì 26 giugno a Caivano, presso la Parrocchia San Paolo Apostolo di Padre Maurizio Patriciello, si è svolto un affollatissimo incontro sul tema dei roghi tossici nell’area a Nord di Napoli.

È stato un incontro molto importante in quanto finalmente si è parlato di soluzioni, in presenza di amministratori dei Comuni di Caivano, Crispano, Casoria, Frattaminore.

Questo ha segnato già un’importante segnale in controtendenza rispetto al passato. Interventi importanti del prof. Antonio Marfella e del Vescovo di Aversa, Angelo Spinillo.

Quello dei roghi è un problema complicato, difficile, pericoloso, che può essere affrontato e vinto solo con l’unione e il contributo di tutti.

MERCOLEDI’ PROSSIMO, 4 LUGLIO, A CAIVANO CI SARA’ IL PRIMO INCONTRO OPERATIVO DI TUTTI I COMITATI, LE REALTA’ ASSOCIATIVE E SINGOLI CITTADINI CHE VOGLIONO DARE UN CONTRIBUTO CONCRETO ALLA CAUSA.

SARA’ COSTITUITO UN COORDINAMENTO DI SCOPO CHE SERVIRÀ AD ELABORARE UNA STRATEGIA COMUNE CHE OPERI UNA SERIE DI AZIONI CONCRETE IN CONTEMPORANEA SU TUTTI I COMUNI DELL’AREA NORD. QUESTA UNIONE SINERGICA TRA COMITATI, ASSOCIAZIONI, SINGOLI CITTADINI, PARROCCHIE, SCUOLE, GRUPPI DI AGGREGAZIONE, RAPPRESENTA PROPRIO LA GRANDE NOVITA’ E IL NUOVO APPROCCIO, SPERIAMO VINCENTE, CHE SI VUOLE DARE AL PROBLEMA PER SENSIBILIZZARE E RICHIEDERE AI COMUNI AZIONI DETERMINANTI PER LA REPRESSIONE DEI ROGHI.

IL COORDINAMENTO SARÀ GUIDATO DA DANIELA SCODELLARO E PRESTO VI SARANNO DATE TUTTE LE INDICAZIONI PER POTER PARTECIPARE ATTIVAMENTE TUTTI A QUESTA IMPORTANTE INIZIATIVA.

Incontro a Caivano sul problema dei roghi tossici a Nord di Napoli

25 Giu

DOMANI, 26 GIUGNO 2012, A CAIVANO, È IN PROGRAMMA UN INCONTRO SULLA QUESTIONE DEI ROGHI TOSSICI NELL’AREA A NORD DI NAPOLI, ORGANIZZATO DA PADRE MAURIZIO PATRICIELLO.

 CON L’AIUTO DI PADRE MAURIZIO, CHE DA ANNI SENSIBILIZZA LA COMUNITA’ LOCALE SULLE QUESTIONI AMBIENTALI, E IL CONTRIBUTO DEL DOTT. MARFELLA APPROFONDIREMO LE PROBLEMATICHE DERIVANTI DAL DRAMMA DEI ROGHI TOSSICI.

SOPRATTUTTO MOSTREREMO QUELLE CHE POSSONO ESSERE LE SOLUZIONI CHE POSSIAMO NEL CONCRETO METTERE IN CAMPO.

DOMANI PARTECIPERANNO TANTISSIMI COMITATI E ASSOCIAZIONI, DAL GIUGLIANESE AL NOLANO, PERCHE’ QUESTO E’ UN PROBLEMA DI TUTTI E CHE POSSIAMO AFFRONTARE E COMBATTERE SOLO CON L’UNIONE ED IN SINERGIA TRA LE FORZE IN CAMPO.

CREEREMO UN COORDINAMENTO TRASVERSALE CHE DAI COMITATI, ALLE ASSOCIAZIONI, ALLE PARROCCHIE, AI PROFESSIONISTI, AI CENTRI DECISIONALI AMMINISTRATIVI DELLE NOSTRE CITTÀ, POSSANO AVVIARE INTERVENTI SERI.

IL COORDINAMENTO ORGANIZZERA’ CONTEMPORANEAMENTE SU TUTTI I COMUNI DEL TERRITORIO PETIZIONI, RACCOLTE FIRME, INOLTRO DENUNCE, INIZIATIVE DI SENSIBILIZZAZIONE, AZIONE DI SPINTA VERSO LE AMMINISTRAZIONI LOCALI E LA PREFETTURA.

NON MANCATE DOMANI, DAREMO INIZIO A QUESTA NUOVA LOTTA AI CRIMINALI CHE, ANCHE CON QUESTA MODALITA’ DEI ROGHI, VOGLIONO DISTRUGGERE LA NOSTRA TERRA.

Appello ai cittadini ed a coloro che hanno aderito al Comitato

20 Ott

DENUNCIAMO!!!!!

È ARRIVATO IL MOMENTO CHE OGNUNO DI NOI AGISCA FATTIVAMENTE E DIMOSTRI CHE QUELL’IMPEGNO SOCIALE, CHE SI E’ ASSUNTO CON LA PARTECIPAZIONE AL COMITATO, È VERAMENTE SENTITO.

È IL MOMENTO DI DARE UN CONTRIBUTO REALE ALLA CAUSA AMBIENTALE PER IL NOSTRO TERRITORIO.

NON POSSIAMO PIU’ CONTINUARE A SUBIRE PASSIVAMENTE I ROGHI TOSSICI CHE BRUCIANO LE NARICI! PENETRANO NEI POLMONI!!! INCANCRENISCONO LE VOSTRE CELLULE!! QUELLE DEI VOSTRI FIGLI!!!

ADESSO DOBBIAMO PASSARE ALL’AZIONE E DIMOSTRARE DI DESIDERARE DI VIVERE IN UNA CITTA’ NORMALE!!! BASTA CON LA DELEGA!!!

 DOBBIAMO AGIRE DI PERSONA!!!

COME?

COSI’:

Quando ci imbattiamo in un deposito di rifiuti o in una vera e propria discarica abusiva, dobbiamo fare una segnalazione (con raccomandata con avviso di ricevimento) alla Procura della Repubblica, al sindaco (eventualmente anche solo protocollandola al Comune) e, se i rifiuti si trovano all’esterno del centro abitato, anche alla Provincia.

Sicuramente allegando alcune fotografie. E’ importante che in queste foto ci sia anche un quotidiano del giorno in primo piano in modo da dimostrare la data in cui la foto è stata scattata.

In allegato trovate i primi due file di segnalazione alla Procura e al sindaco del Comune. Se è necessario farlo anche alla Provincia potete utilizzare quello del Comune modificando l’intestazione.

Questa prima denuncia è FONDAMENTALE. Segnatevi bene la data in cui ricevete la ricevuta di ritorno della raccomandata oppure il numero di protocollo quando andate al Comune.

Da questo momento, il sindaco (o il presidente della Provincia) è tenuto a provvedere entro 30 giorni. O almeno, entro lo stesso termine, a rispondere alla nostra segnalazione, per esporre le ragioni del ritardo. Se non lo fa, è colpevole del reato di omissione di atti d’ufficio (art. 328 del codice penale), punibile con la reclusione fino a un anno o con la multa fino a 1.032 euro.

Trascorsi i 30 giorni, possiamo inviare alla Procura la denuncia (terzo file allegato) in cui chiediamo di agire penalmente. Quindi mandiamo un esposto alla Procura della Repubblica competente, nei confronti del sindaco (o del presidente della Provincia) inadempiente.

La Procura è obbligata ad avviare l’azione penale.

LE DISCARICHE ABUSIVE SONO QUELLE CHE DANNO ORIGINE AI ROGHI. I ROGHI APPICCATI DAI ROM E DALLA CAMORRA. QUINDI SONO QUELLI CHE DOBBIAMO ATTACCARE.

IL SINDACO E IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA, SE SOLLECITATI DA TANTISSIME DENUNCE SARANNO COSTRETTI A RIMUOVERE COSTANTEMENTE I RIFIUTI NELLE ZONE INDICATE. QUESTO E’ UN PRIMO PASSO CON CUI NOI CITTADINI POSSIAMO CONCRETAMENTE CONTRIBUIRE A DEBELLARE I ROGHI TOSSICI.

MI RACCOMANDO!! È TUTTO MOLTO SEMPLICE. SVEGLIATEVI DAL LETARGO…. COMINCIATE A DENUNCIARE!!!

Esempio di segnalazione al Sindaco

Esempio di esposto alla Procura della Repubblica

Esempio del secondo esposto alla Procura della Repubblica

Lo scandalo e la vergogna

4 Feb

Scarica il volantino in formato jpg