Archivio | Afragola RSS feed for this section

Il 24 settembre l’ARPAC eseguirà la caratterizzazione alla Cantariello

12 Set

Finalmente l’Arpac è tornata dalle ferie. Un bel pò lunghe a dire il vero…

È stata fissata per il prossimo Lunedì 24 Settembre la data per la caratterizzazione dei rifiuti presenti nel sito della Cantariello. La notizia è stata data oggi ufficialmente dall’Assessore all’Ambiente del Comune di Casoria, Pasquale Tignola.

Saranno eseguiti i carotaggi a campionamento e poi seguiranno le analisi per capire che tipo di veleni si nascondono lì sotto.

Siamo certi si tratti di veleni perché negli ultimi mesi sono aumentati a dismisura i casi di patologie tumorali nella zona circostante la Cantariello, sia ad Afragola che a Casoria. In tanti, tra gli appartenenti al comitato che stanno conducendo con noi questa battaglia, ci segnalano ogni giorno questo fenomeno.

Ci sono voluti 11 anni ma forse adesso finalmente si riuscirà a capire cosa c’è veramente lì sotto che ci sta ammazzando.

Comitato no discariche dei Comuni a Nord di Napoli

 

Cantariello: la bomba ecologica – il reportage di Andrea Valentino

22 Ago

Cantariello: ne parla anche il quotidiano “Avvenire”

11 Ago

Nell’ambito dell’inchiesta ‘Campania violata’, che il quotidiano Avvenire sta conducendo ininterrottamente da oltre un mese, non si poteva non trattare il dramma della Cantariello.

Qui sotto (cliccate sull’immagine per ingrandirla e leggere l’articolo) trovate l’articolo di Pino Ciociola, l’inviato che ha portato alla ribalta nazionale il grave problema dei roghi tossici e adesso sta svelando gli scandali delle più grandi bombe ecologiche della Regione Campania.

Afragola: protesta dei cittadini durante il concerto di Anastacia

16 Lug

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ieri sera ad Afragola, in Via Calvanese all’ingresso dello Stadio L. Moccia, a due passi dal sito avvelenato della Cantariello, in occasione del concerto di Anastacia, i cittadini hanno esposto gli striscioni che vedete nei collage di foto in alto.

Tanti cittadini intervenuti hanno indossato delle mascherine ed è stato dato ampio risalto alla manifestazione che ha adombrato l’evento, che era un vero flop già di per sè per la scarsissima presenza di pubblico.

 Denunciamo l’intervento grave sul sito in questione, svolto abusivamente da ignoti nei giorni scorsi proprio prima del concerto, per fare in modo che diminuissero le esalazioni. Forse per non far sentire la puzza durante il concerto? Non lo sappiamo.

Di fatto, una volta abbattutto il cancello di entrata del sito con le 9000 tonnellate di spazzatura+rifiuti tossici, qualcuno è entrato con un bobcat salendo sulla montagna tossica e smuovendo il terreno, ammassandoci altro terreno misto a rifiuti e tappando temporaneamente le bocche da cui usciva fumo. Oggi il fumo esce di nuovo chiaramente. Insomma, uno stupido tentativo di cui veramente non riusciamo a comprendere il senso e non immaginiamo chi possano essere gli stupidi autori.

Siamo preoccupati perché qualsiasi sabotaggio potrebbe ostacolare le operazioni di caratterizzazione e bonifica che a breve devono partire a cura del Comune di Casoria e della Regione Campania. Per cui denunciamo gravemente atti di questo tipo. Il Comune di Casoria ha provveduto a rimettere in sicurezza l’entrata del sito per evitare nuovi episodi del genere.

Intanto siamo in attesa di avere notizie dall’Assessore all’ambiente Romano della Regione Campania. Abbiamo chiesto un appuntamento per essere ricevuti come Comitati e capire i tempi per la messa in sicurezza e immediata bonifica.

Se non abbiamo risposte in tempi brevi organizzeremo una mobilitazione di protesta alla Regione in Via Santa Lucia.

 COMITATO NO DISCARICHE COMUNI A NORD DI NAPOLI

Nuovi aggiornamenti sulla situazione del sito di stoccaggio del Cantariello

13 Lug

ECCO GLI ULTIMI AGGIORNAMENTI SULLA SITUAZIONE DEL SITO DI STOCCAGGIO IN LOCALITÀ CANTARIELLO:

MARTEDÌ 10 LUGLIO L’ASSESSORE ALL’AMBIENTE REGIONALE, GIOVANNI ROMANO, SI È INCONTRATO CON LA COMMISSIONE SPECIALE BONIFICHE DELLA REGIONE. L’ASSESSORE HA PROVVEDUTO A PRENDERE IN CARICO IL PROBLEMA, CHIEDENDO ALL’ARPAC PREVENTIVO DI CARATTERIZZAZIONE E BONIFICA, INTIMANDO AI PROPRIETARI DEL SITO (EPM) DI INTERVENIRE ENTRO 30 GIORNI, TRASCORSI I QUALI LA REGIONE INTERVERRÀ A PROPRIE SPESE IN DANNO DELLA SOCIETÀ. SIAMO IN ATTESA DEL RESOCONTO DETTAGLIATO DELL’INCONTRO CHE PUBBLICHEREMO APPENA RICEVUTO;

– INTANTO IL COMUNE DI CASORIA HA GIÀ INTIMATO ALLA EPM LA CARATTERIZZAZIONE E MESSA IN SICUREZZA DEL SITO ENTRO 15 GIORNI DAL RICEVIMENTO DELL’ORDINANZA. I 15 GIORNI SCADRANNO ALLA FINE DELLA PROSSIMA SETTIMANA. DOPO QUELLA DATA SARÀ IL COMUNE A FARE PRIMA DI TUTTI LA CARATTERIZZAZIONE DEL SITO IN DANNO DELLA SOCIETÀ EPM. MONITOREREMO QUESTA VICENDA PER DARVI PRESTO UN RITORNO.

SE I TEMPI DOVESSERO ALLUNGARSI PROVVEDEREMO AD INDIRE NEL MINOR TEMPO POSSIBILE UNA MOBILITAZIONE PUBBLICA SOTTO LA REGIONE CAMPANIA IN VIA SANTA LUCIA A NAPOLI.

 INTANTO CI SONO DELLE NOVITA’ SUL SITO AVVELENATO: DA QUALCHE GIORNO C’E’ STATO UN INTERVENTO DI FORZA DA PARTE DI IGNOTI CHE HANNO DIVELTO IL CANCELLO DI ENTRATA DEL SITO, ALCUNI MEZZI INCENDIATI NEGLI ANNI SCORSI SONO STATI ADDIRITTURA PORTATI IN STRADA. C’E’ STATO UN INTERVENTO DEI VIGILI DEL FUOCO IL 10 LUGLIO PER SEDARE LE FIAMME DI UN INCENDIO DELLA STERPAGLIA, NON SI SA SE SPONTANEO, SULLA MONTAGNA DELLE 9000 TONNELLATE DI RIFIUTI.

AD OGGI IL TERRENO SOPRA LA MONTAGNA DI RIFIUTI RISULTA ESSERE STATO RIVOLTATO E MANOMESSO, NON SI SA SE PER L’INTERVENTO DEI VIGILI, TAPPANDO LE BOCCHE DA CUI CON INSISTENZA USCIVANO LE FUMAROLE.

INSOMMA, DEGLI EPISODI NON CHIARI CHE CI PORTANO AD ESSERE PREOCCUPATI PER LA SITUAZIONE IN ESSERE.

SI TRATTA DI BALORDI O DI QUALCOS’ALTRO?

 INTANTO IL COMUNE DI AFRAGOLA SI SVEGLIA DAL SONNO E FA RIPULIRE TUTTA L’AREA CIRCOSTANTE LA CANTARIELLO, QUESTO SOLO PERCHE’ DOMENICA PROSSIMA C’È IL CONCERTO DI ANASTACIA E VOGLIONO FARE BELLA FIGURA. POI IL RESTO DELL’ANNO GLI AFRAGOLESI POSSONO ANCHE MORIRE NELLA MONNEZZA.

 IL COMITATO STA ORGANIZZANDO UNA FORMA DI PROTESTA PER DOMENICA SERA.

 COMITATO NO DISCARICHE COMUNI A NORD DI NAPOLI

Il Comitato promuove una protesta in vista del concerto di Anastacia ad Afragola – rassegna stampa

12 Lug

Da “Roma” del 12 luglio 2012 (cliccate sull’immagine per ingrandirla e leggere l’articolo)

Da “Cronache di Napoli” del 12 luglio 2012 (cliccate sull’immagine per ingrandirla e leggere l’articolo)

Novità dal sito di stoccaggio del Cantariello

6 Lug

LA SITUAZIONE ALLA CANTARIELLO PEGGIORA DI GIORNO IN GIORNO ED È IN CORSO UN VERO E PROPRIO ESODO, UNA EMIGRAZIONE DEI CITTADINI CHE ABITANO NELLE IMMEDIATE VICINANZE DI QUELLA BOMBA ECOLOGICA, CHE NON CE LA FANNO PIÙ A VIVERE LI’ E RESPIRARE QUELL’ARIA AVVELENATA. IN TANTI CERCANO RIPARO, SOLLIEVO. IN MOLTI PRESSO PARENTI, CHI PUÒ ADDIRITTURA È ANDATO IN ALBERGO PER ALLONTANARSI DA QUELLA ZONA. INSOMMA, È UNA CATASTROFE SENZA PRECEDENTI !!

INTANTO LA POLITICA FA I SUOI LENTI PASSI: IERI L’ASSESSORE ALL’AMBIENTE DELLA REGIONE CAMPANIA, GIOVANNI ROMANO, A CUI ABBIAMO INTASATO POSTA E FAX CON I SOLLECITI CHE GLI ABBIAMO INVIATO, HA FISSATO UN INCONTRO PER MARTEDÌ PROSSIMO 10 LUGLIO CON LA COMMISSIONE BONIFICHE DELLA REGIONE PRESIEDUTA DA ANTONIO AMATO.

 SUCCESSIVAMENTE DOVREBBE INCONTRARE ANCHE NOI COMITATI. COMUNQUE DA QUESTO INCONTRO DOVREBBE PARTIRE L’OK AD UN ITER D’URGENZA PER LA CARATTERIZZAZIONE, MESSA IN SICUREZZA E BONIFICA DEL SITO.

ADESSO SIAMO ARRIVATI AL SODO, CIOÈ A CHI NEI FATTI HA POTERE DI SPESA E DEVE FINANZIARIAMENTE SOSTENERE LE AZIONI CONCRETE SUL SITO CHE DA ADESSO ANDRANNO FATTE.

 COMINCIAMO ADESSO, NON MOLLIAMO!!!

 COMITATO NO DISCARICHE COMUNI A NORD DI NAPOLI

Nuovo sopralluogo della Commissione Bonifiche alla Cantariello

22 Giu

IL GIORNO 20 GIUGNO 2012, È STATO EFFETTUATO IL SECONDO SOPRALLUOGO ALLA CANTARIELLO DA PARTE DELLA COMMISSIONE SPECIALE BONIFICHE DELLA REGIONE CAMPANIA.

LA CONVOCAZIONE, CHE ALLEGHIAMO, ERA DIRETTA ALL’ARPAC, ALL’ASL NA2 NORD, AL SINDACO DI CASORIA, AI COMITATI E AL CUSTODE GIUDIZIARIO DEL SITO DISSEQUESTRATO DAL MAGISTRATO QUALCHE GIORNO FA.

LA PRIMA CONDANNA PUBBLICA CHE IL NOSTRO COMITATO DENUNCIA FORTEMENTE E’ LA GRAVISSIMA ASSENZA DELL’ASL. L’ENTE ASL LOCALE, RESPONSABILE DI GARANTIRE LA SALUTE PUBBLICA, NON SOLO PER ANNI HA DORMITO SULLA QUESTIONE MA OGGI SI PERMETTE ADDIRITTURA DI NON PRESENTARSI AD UNA CONVOCAZIONE UFFICIALE DA PARTE DELLA REGIONE CAMPANIA. QUESTO È DI UNA GRAVITA’ ASSOLUTA!!! CON IL NOSTRO COMITATO STIAMO VALUTANDO AZIONI CHE PUNTINO ANCHE GIURIDICAMENTE AD ACCERTARE LE RESPONSABILITA’ DIRETTE DELL’ASL IN QUESTA QUESTIONE.

IL SOPRALLUOGO DELL’ARPAC ERA FINALIZZATO UNICAMENTE, HANNO SPIEGATO LE ISTITUZIONI PRESENTI, A RENDERSI CONTO DELLA SITUAZIONE (E I RILEVAMENTI E SOPRALLUOGHI FATTI NEGLI ANNI SCORSI? – ci siamo chiesti tutti).

IN QUESTI GIORNI L’ARPAC REDIGERÀ L’ENNESIMA RELAZIONE (SPERIAMO QUELLA RISOLUTIVA) CHE SARÀ INVIATA A REGIONE, PROVINCIA E COMUNE.

LA COMMISSIONE BONIFICHE PROVVEDERÀ, SUBITO DOPO LA RICEZIONE DI TALE RELAZIONE (CON CUI SI CHIEDERANNO I CAROTAGGI, CARATTERIZZAZIONE E MESSA IN SICUREZZA) A CONVOCARE UN TAVOLO ALLA REGIONE CON L’ASSESSORE ALL’AMBIENTE ROMANO.

DA QUESTO TAVOLO DOVREBBERO DECIDERSI LE AZIONI IMMEDIATE DA FARE A CARICO DELLA REGIONE CAMPANIA.

IL PERCORSO DUNQUE È ANCORA LUNGO, I PASSI AVANTI SEMBRANO ANCORA INSUFFICIENTI PER RASSICURARCI CIRCA IL COMPLETAMENTO DELLA BONIFICA IN TEMPI BREVI.

L’AZIONE DEL COMITATO CONTINUERÀ AD ESSERE ESERCITATA SOSTANZIALMENTE SU DUE FRONTI: PRESSIONE SULLE ISTITUZIONI PER ASSICURARCI CHE I TEMPI TECNICI E BUROCRATICI SIANO RIDOTTI AL MINIMO CON CONDANNA IMMEDIATA A CARICO DI CHI RALLENTA IL PROCESSO (E QUESTA E’ LA NOVITA’ RISPETTO AL PASSATO); AZIONE DI SPINTA SUL MAGISTRATO PER ASSICURARCI CHE LE INDAGINI GIUDIZIARIE VADANO AVANTI PER ACCERTARE TUTTE LE RESPONSABILITÀ, PREGRESSE ED ATTUALI, E RENDERE GIUSTIZIA ALLE TANTE PERSONE CHE SUL NOSTRO TERRITORIO SI SONO AMMALATE E CONTINUANO AD AMMALARSI PER LA BOMBA ECOLOGICA DELLA CANTARIELLO.

 COMITATO NO DISCARICHE COMUNI A NORD DI NAPOLI

Aggiornamento sulla situazione del sito di stoccaggio alla Cantariello

14 Giu

La situazione alla Cantariello peggiora di giorno in giorno, anzi di ora in ora. La macchia di terra bruciata che sprigiona fumi tossici si estende a vista d’occhio, ogni giorno si aprono nuove bocche di fumo ed a peggiorare la situazione si è messo anche il caldo e il rischio incendi come è successo sabato scorso.

Le persone che abitano nelle vicinanze, e in questi giorni anche nelle zone più interne di Afragola e Casoria, non riescono più a dormire tranquillamente la notte. La situazione sta diventando insostenibile e sono in tantissimi a chiamarci per denunciare il dramma che stanno vivendo.

 Tutti sapete che Martedì scorso, 5 giugno, la Commissione Speciale Bonifiche della Regione Campania, presieduta da Antonio Amato, si è recata in sopralluogo al sito della Cantariello insieme ad altri esponenti della Commissione e consiglieri regionali.

Tutti hanno convenuto sulla pericolosità del sito che è stato riconosciuto in assoluta emergenza sanitaria.

 Ieri, 13 Giugno, è arrivato ufficialmente il dissequestro da parte del magistrato Mario Canale e la Commissione ha fissato un nuovo sopralluogo con Arpac e Asl per il prossimo mercoledì 20 giugno, alle 10.30 al Comune di Casoria e alle 11.00 alla Cantariello. Si procederà ai rilevamenti per la caratterizzazione e le analisi per procedere alla bonifica.

Il sito di Casoria, insieme alla Resit di Giugliano ed un altro sito nella zona di Marigliano sono stati riconosciuti quali siti che necessitano bonifica immediata per la evidente situazione a danno della salute dei cittadini.

Tutti sono invitati a partecipare mercoledì 20 alle 11.00 al sito della Cantariello!

COMITATO NO DISCARICHE DEI COMUNI A NORD DI NAPOLI

La questione Cantariello: ennesimo fallimento di Nespoli

11 Giu

L’episodio del sito di stoccaggio della Cantariello, la più grande emergenza sanitaria che il nostro territorio abbia mai conosciuto, è la dimostrazione evidente di quanto al sindaco di Afragola Nespoli stia a cuore unicamente l’interesse privato e non la tutela dei beni comuni e dei cittadini. Ma la questione Cantariello non è che la punta di un iceberg.

Più volte negli ultimi due anni questa Amministrazione è stata sollecitata, senza alcun risultato, sulle problematiche ambientali e di emergenza rifiuti, dal nostro Comitato e dalle associazioni ambientaliste. Il dialogo con i cittadini non è mai stata prerogativa del Sindaco Nespoli, anzi. Quello che i cittadini dicono per lui non conta affatto, non accettando alcun tipo di confronto.

Il fallimento è sotto gli occhi di tutti ed è misurato in maniera inequivocabile dai cumuli di rifiuti abbandonati e mai rimossi tra via Ferrarese e Via Arena, in zona Capomazzo, nelle zone alle spalle di Leroy Merlin verso via Capri, solo per citarne alcuni. Amianto abbandonato sui marciapiedi per mesi, in particolare accanto al punto di Primo soccorso dell’ASL all’inizio di Corso De Gasperi, alla mercé delle condizioni meteo a rischio di sgretolamento e inalazione dei cittadini che percorrono quel tratto di strada. Di fronte c’è una scuola.

Il fallimento è evidente nella NON gestione dei rifiuti della città. Una ditta che opera con proroghe continue, senza un valido contratto; una raccolta differenziata finta con la percentuale più bassa di tutti i Comuni dell’area Nord; nessuna isola ecologica. Solo per citare le mancanze più evidenti.

Ma il colmo lo abbiamo raggiunto con la Cantariello. Un sito di stoccaggio che insiste sul confine con Casoria, di competenza del Comune di Casoria, ma con gli effetti devastanti per la salute che ricadono in misura rilevante sui cittadini di Afragola. Il nostro Comitato, insieme ad altri comitati e associazioni del territorio, si è battuto e continua a battersi con manifestazioni, volantinaggio, petizioni, denunce … e il Sindaco di Afragola? L’unica sua esternazione in merito, sollecitato da ‘Striscia la Notizia’, l’ha espressa puntualizzando la competenza del Comune di Casoria. Non è affar suo, insomma. Come se quei veleni non stessero irrimediabilmente danneggiando i propri concittadini che abitano a poche centinaia di metri da quella bomba ecologica. Come se quei veleni non stessero mettendo seriamente a rischio i bambini e le persone che frequentano l’Aias a poca distanza. Come se i campi coltivati accanto al sito e che insistono sul territorio di Afragola non rischino di essere contaminati. Ma a Nespoli tutto questo non interessa. Gli interessa solo far capire che non compete a lui, per il resto gli afragolesi possono anche ammalarsi seriamente!

E’ triste. Perché il Senatore Nespoli avrebbe potuto fare molto, da parlamentare e da esponente politico di spicco del partito dello stesso colore dell’amministrazione della Regione Campania. Ha perso una grande opportunità.

E’ UNA VERGOGNA!! Speriamo gli afragolesi se ne ricordino quando si tratterà di tornare alle urne.

COMITATO NO DISCARICHE COMUNI A NORD DI NAPOLI

Incendio al sito di stoccaggio della Cantariello

9 Giu

LA SITUAZIONE GRAVISSIMA DI EMERGENZA SANITARIA DELLA CANTARIELLO PEGGIORA DI GIORNO IN GIORNO

Verso le ore 12 di oggi 09 giugno 2012, il sito di stoccaggio della Cantariello posto sotto sequestro e che fuma emissioni pericolose per la combustione di rifiuti tossici sversati negli anni, ha iniziato a prendere fuoco anche in superficie con fiamme alte. Tutta l’erbaccia secca che ricopre l’intera area ha iniziato a prendere fuoco probabilmente per il forte caldo e sicuramente per l’azione determinata dalla combustione sotterranea. In pochissimo tempo le fiamme si sono estese all’intera area (in allegato una foto dell’inizio dell’incendio). Una colonna enorme di fumo ha invaso le abitazioni di Casoria e Afragola. I membri del Comitato No Discariche Nord Napoli, presenti lì vicino nella sede dei Campetti di Leroy Merlin, hanno tempestivamente lanciato l’allarme chiedendo l’intervento dei Vigili del fuoco che si sono portati tempestivamente sul posto. Ancora adesso alle ore 14.00 i vigili sono alle prese con le fiamme per domare l’incendio.

Questo incendio non fa che peggiorare ulteriormente la situazione già grave del sito che va bonificato a questo punto con priorità assoluta.

 COMITATO NO DISCARICHE COMUNI A NORD DI NAPOLI

5 giugno 2012: sopralluogo della Commissione Bonifiche della Regione Campania alla Cantairello

31 Mag

Come già annunciato, il prossimo martedì 5 giugno, alle ore 17.30, ci sarà il sopralluogo al sito di stoccaggio della Cantariello da parte dei membri della Commissione speciale Bonifiche della Regione Campania, al quale potranno partecipare tutti coloro che lo volessero, a patto, però –  come raccomandano i comitati promotori – che la presenza dei cittadini sia pacifica e tranquilla, per evitare che le autorità presenti se la diano a gambe. Bisogna pacatamente matterle al corrente dell’enormità del problema e mostrargli casi di persone che si sono e si stanno ammalando, puntando molto,  dunque, sull’aspetto dell’emergenza sanitaria e sull’insostenibilità della situazione.

I Comitati stanno completando un fascicolo di decine di pagine con le petizioni fatte fino ad oggi, le firme raccolte, la rassegna stampa, un CD con tutti i filmati. Il fascicolo sarà consegnato a tutti i membri della Commissione, presieduta da Antonio Amato, e a tutti i politici ed amministratori che saranno presenti. Lo stesso fascicolo sarà poi inviato alla Procura, al Prefetto, al Presidente della Regione, all’Astir, all’Asl, all’Arpac, ai sindaci.

 In allegato trovate l’ultimo articolo pubblicato il 27 maggio sul quotidiano Cronache di Napoli: cliccate sull’immagine per ingrandirla e leggerne il testo

Il Maggio dei Nocumenti – di Giuseppe Esposito

23 Mag

Presentazione del libro di Antonio Musella e Giuseppe Manzo ad Afragola

22 Mag

Il Nano alla Cantariello

21 Mag

Cliccando sull’immagine potete vedere una foto con scheda descrittiva tratta da un bellissimo reportage del fotografo Mauro Pagnano. Vedetela, è l’amara realtà raccontata con pregevole disinvoltura e grande professionalità. Un grazie speciale a Mauro per il suo contributo. Ricordiamo che un suo estratto del reportage ‘Cartoline di viaggio dal nano liberato’ è stato pubblicato sul sito di Emergency e lo trovate al seguente link:

http://www.eilmensile.it/2012/05/09/cartoline-di-viaggio-dal-nano-liberato/

I primi Video della Mobilitazione 13 Maggio alla Cantariello

16 Mag

Alla Mobilitazione di domenica 13 Maggio alla Cantariello erano presenti diversi operatori dell’informazione. Il video pubblicato in questo post si riferisce al servizio che la WebTV Unica Channel ha dedicato all’evento. Cliccando invece su questo link è possibile vedere il reportage (articolo+video) realizzato dal sito fanpage.it.

Ne approfittiamo per ricordare che nella sede delle associazioni presso i campetti di Via E. Berlinguer  è stato istituito il PRESIDIO PERMANENTE PER LA BONIFICA DELLA CANTARIELLO, il cui  prossimo incontro è fissato per martedì 22 Maggio alle ore 18.30.

Bonificate immediatamente l’ex sito di stoccaggio del Cantariello!

13 Mag

Questo slideshow richiede JavaScript.

Oggi, 13 maggio 2012, grande successo di partecipazione con centinaia di persone che hanno aderito alla MOBILITAZIONE organizzata dal Comitato ‘NO Discariche Comuni a Nord di Napoli’ e Legambiente Afragola per chiedere con fermezza la BONIFICA IMMEDIATA del sito di stoccaggio della Cantariello sul confine Casoria-Afragola.

Sono state raccolte centinaia di firme per la petizione che a breve sarà consegnata alla Regione Campania e alle Istituzioni preposte che devono provvedere alla Bonifica.

Alla sede delle associazioni dei campetti di Leroy Merlin si è di fatto costituito il PRESIDIO PERMANENTE PER LA BONIFICA DELLA CANTARIELLO dove saranno da oggi fatti incontri per aggiornare i cittadini sui passi che seguiranno e dove è possibile ancora contribuire con le firme alla petizione. Prossimo incontro martedì 22 maggio alle ore 18.30.

Erano presenti alla mobilitazione il Sindaco e l’Assessore all’Ambiente del Comune di Casoria mentre era completamente assente l’Amministrazione del Comune di Afragola. Il Sindaco di Afragola continua a trincerarsi dietro l’incompetenza territoriale trascurando che la maggior parte delle conseguenze di questa bomba ecologica sono sulla salute dei propri concittadini, evitando dunque di solidarizzare con la protesta di fatto se ne lava le mani nonostante potrebbe molto utilizzando la propria carica di parlamentare.

Da oggi inizia dunque un percorso, sicuramente travagliato e difficile, che ci vedrà parte attiva nel processo di spinta alle istituzioni per la salvaguardia del nostro diritto alla salute.

Lucio Iavarone

COMITATO NO DISCARICHE COMUNI A NORD DI NAPOLI

Sito di stoccaggio in località Cantariello: il testo della petizione popolare

12 Mag

Alla Procura della Repubblica di Napoli

Al Prefetto della Provincia di Napoli

Al Commissario Straordinario per le Bonifiche

Al Presidente della Regione Campania

Al Presidente Commissione Bonifiche Regione Campania

All’Attenzione dell’Astir – Dott. Malvano Franco

Al Presidente della Provincia

Al Sindaco di Casoria

Al Sindaco di Afragola

Ai Carabinieri di Casoria

All’Assessore all’Ambiente di Casoria

Al Presidente di Casoria Ambiente spa

Al Comandante della Polizia Municipale di Casoria

Al Direttore Asl Casoria

Agli organi di stampa locali e nazionali

PETIZIONE POPOLARE

I cittadini residenti tra la Contrada Leutrek (zona Cantariello) di Afragola e via San Salvatore (ex euromercato) di Casoria, tutti stanchi della grave situazione di degrado ambientale e di totale illegalità, perpetrata da anni, in particolar modo per quanto concerne lo smaltimento di rifiuti pericolosi e tossici sul nostro territorio più volte ci siamo rivolti alle varie istituzioni locali presenti sul territorio per la risoluzione del problema in questione ma senza trovare mai la giusta sensibilità se non un inutile scaricabarile.

Ora, insieme alle associazioni ambientaliste Legambiente Afragola e Comitato “No Discariche Comuni a Nord di Napoli”, ritroviamo la forza per continuare a denunciare la situazione di degrado e di pericolo per la nostra salute.

Dopo diverse denunce anche a mezzo televisivo con due servizi a “Striscia la Notizia” e denunce a mezzo stampa anche attraverso “La Repubblica” ed altri giornali locali e nazionali, chiediamo con forza la bonifica immediata della discarica abusiva e sotto sequestro in località Cantariello a Casoria e di tutta l’area circostante.

La discarica, oggi sotto sequestro, è presente da anni e da troppo tempo è completamente abbandonata, ma negli ultimi mesi la montagna di rifiuti ha iniziato a fumare pericolosamente senza sosta, segno della combustione dei rifiuti (sicuramente anche tossici) sotto terra. La “puzza” è insopportabile e mortale, qui le persone si ammalano di patologie alla tiroide e le emissioni sono quotidiane e continuano 24 ore al giorno.

Il tutto a pochi metri da centri commerciali (Ikea, Leroy Merlin Uci Cinema, Mc Donald ed altro) sotto gli occhi e le narici di migliaia di automobilisti costretti a respirare fumi tossici e mortali.

Chiediamo che si provveda a monitorare costantemente il campo nomadi, ad istallare telecamere su via Cantariello e a ripulire subito la Cantariello e Via San Salvatore.

Ma la priorità assoluta e da realizzare immediatamente è la BONIFICA DELLA DISCARICA, PREVEDENDO UN INTERVENTO IMMEDIATO PER BLOCCARE I FUMI NOCIVI.

 Afragola-Casoria, 7 Maggio 2012

La lunga storia del sito di stoccaggio in località Cantariello

12 Mag

A gennaio 2001 il Comune di Casoria, con l’allora Sindaco De Rosa, provvedeva ad individuare il sito in località Cantariello allo scopo di prevedere lo stoccaggio temporaneo dei rifiuti della Città, sollecitato anche dal Prefetto di Napoli.

Nello stesso anno (agosto 2001) il Commissario di Governo per l’emergenza rifiuti requisiva e gestiva direttamente quel sito per far fronte alla crisi rifiuti della Provincia di Napoli. Veniva anche attrezzato il sito con un impianto di imballatura e trasferimento rifiuti. Successivamente il sito veniva posto sotto sequestro giudiziario dal Comando dei Carabinieri per la Tutela Ambientale di Napoli.

Con successive e ripetute istanze il Comune di Casoria ne otteneva temporanei dissequestri allo scopo di richiedere lo svuotamento del sito stesso.

Successivamente il Commissario di Governo trasferiva la competenza del sito al Consorzio di Bacino NA3 ma negli anni di fatto il Consorzio (adesso in liquidazione), per sua ammissione in una recente nota del novembre 2011, “non prendeva mai in consegna il sito di stoccaggio in questione né mai ha provveduto alla rimozione dei rifiuti dal sito, sebbene fosse stato a ciò invitato e diffidato dal Dipartimento della Protezione Civile”.

Negli anni il Comune ha provveduto più volte a diffidare il Consorzio di Bacino NA3 con ricorsi dinanzi al TAR Campania.

Nel 2006 veniva depositato un ulteriore ricorso del Comune ritenendo responsabili diretti il Consorzio di Bacino NA3 ed il Commissario Straordinario di Governo (Facchi) per tutti i disagi alla popolazione. La causa ad oggi è ancora in corso.

Nel 2011 il Consorzio di Bacino NA3, intanto sostituito dal Consorzio Unico di Bacino delle Province di Napoli e Caserta, ormai in liquidazione (per cui la gestione passerà alla Provincia di Napoli a dicembre 2012), emette la nota succitata in cui ammette le responsabilità ma lancia evidenti accuse all’allora Subcommissario di Governo Facchi che nel 2003 non diede risposta al Consorzio di Bacino che si mostrò disponibile a svuotare il sito in quanto aveva individuato in località S. Maria La Fossa la possibilità di sversare i rifiuti presenti a Casoria. In quella occasione il Subcommissario Facchi, a detta del Consorzio, tacque per cui non potettero provvedere allo svuotamento.

Da parecchi mesi quel sito presenta anche visivamente il frutto della devastazione ambientale, conseguenza di anni di incapacità politica e amministrativa a vari livelli, del menefreghismo e forse anche della corruzione delle Istituzioni preposte. Da mesi esce da quella montagna di spazzatura un pericolosissimo fumo acre e lacerante che lascia poco spazio alla fantasia circa le supposizioni di quali tipologie di rifiuti possano essere presenti lì sotto.

LA MOBILITAZIONE CITTADINA DEL 13 MAGGIO 2012 VUOLE AVERE LO SCOPO DI SENSIBILIZZARE LE ISTITUZIONI PER CHIEDERE, SOPRATTUTTO ALLA REGIONE CAMPANIA CHE DEVE STANZIARE I FONDI, L’IMMEDIATA MESSA IN SICUREZZA E BONIFICA DEL SITO.

COMITATO NO DISCARICHE COMUNI A NORD DI NAPOLI

LEGAMBIENTE AFRAGOLA

Domenica 13 maggio – mobilitazione in località Cantariello

9 Mag

Il Comitato NO DISCARICHE Comuni a Nord di Napoli organizza per domenica 13 Maggio, ore 15.30, una mobilitazione cittadina nella zona Cantariello nei pressi del vecchio sito di stoccaggio di rifiuti al confine tra Casoria e Afragola, vicino al campo Rom e ai centri commerciali di Ikea e Leroy Merlin.

Scopo della mobilitazione è protestare contro l’immobilismo delle istituzioni verso un problema che sta esplodendo come una bomba ecologica sul territorio. Il sito di stoccaggio, posto sotto sequestro dalle autorità, da parecchi mesi fuma esalando miasmi insopportabili e pericolossisimi per la salute di centinaia di residenti e migliaia di persone che quotidianamente si recano presso i centri commerciali della zona.

Il Comitato presenterà una petizione popolare con centinaia di firme in cui si chiede alla Regione Campania e alle Istituzioni preposte l’immediata attivazione per la bonifica del sito. Le responsabilità sono da ricercare molto indietro negli anni e risalgono al 2001 e anni successivi con evidente responsabilità anche del Commissariato di Governo per l’emergenza rifiuti della Presidenza del Consiglio dei Ministri dell’epoca.

Si richiede la presenza dei media allo scopo di diffondere i dettagli della vicenda.