Coordinamento comitati fuochi: il report completo della riunione del 17 luglio

19 Lug

Il giorno Martedì 17 Luglio si è svolto presso la Casa dell’Umana Accoglienza ad Acerra la terza assemblea del Coordinamento Comitati Fuochi di Napoli, Provincia di Napoli e Provincia di Caserta.

Erano presenti all’incontro una cinquantina di persone rappresentanti di vari comitati o associazioni del territorio facenti parte del coordinamento (in coda la lista dei presenti).

1)      Lucio Iavarone ha introdotto l’incontro indicando i punti all’ordine del giorno:

  1. Rilettura della versione aggiornata della denuncia-querela redatta dall’avv. Ambrogio Vallo;
  2. Stato della raccolta delle firme e definizione del termine ultimo per la raccolta delle stesse;
  3. Definizione data e sede del prossimo incontro.
  4. Definizione punti di raccolta fissi e giornata da svolgersi con gazebo nelle piazze di tutti i comuni in contemporanea

a)      L’avv. Ambrogio Vallo rilegge la versione aggiornata dell’esposto querela.  È stata posta all’attenzione dei presenti l’elenco dei comuni oggetto della querela.  Su richiesta dei presenti sono stati aggiunti alcuni comuni (nel casertano) ed il dettaglio di alcune zone come, ad esempio per la città di Napoli, Scampia.  E’ stato proposto da Lino Chimenti di delegare l’avv. Vallo non solo a nome di Daniela Scodellaro ma anche di tutti i rappresentanti dei comitati o associazioni facenti parte del coordinamento.  La proposta fatta è stata accettata all’unanimità. La versione letta dall’Avv. Vallo viene di fatto approvata dai presenti.

Interviene Agostino chiedendo se la querela possa rivolgersi anche alla prefettura e alle forze dell’ordine. Le opinioni degli interventi in merito sono state tutte in contrasto con questo indirizzo in quanto lo scopo della querela e quella di sollecitare principalmente le amministrazioni locali.

Prende la parola Roberto Oliva il quale secondo sue esperienze pregresse il documento, ancorchè redatto in maniera impeccabile, a suo parere non sortirà gli effetti desiderati in quanto azioni del genere se ne sono viste tante ma non hanno portato ai risultati sperati. La sua proposta è di istituire delle ronde o presidi fatti da rappresentanti dei comitati sui luoghi soliti dei roghi e di divulgare mediaticamente l’evento anche attraverso l’ausilio di un supporto giornalistico a lui conosciuto. Fermo restando che qualsiasi sarà la decisione del coordinamento si impegnerà alla raccolta delle firme e a far veicolare le informazioni. La discussione avviatasi dopo questo intervento si è protratta ovviamente sulla questione delle ronde/presidi. Molti non erano favorevoli alla proposta in quanto se si fa riferimento alle ronde padane, il nostro territorio ha una implicazione malavitosa decisamente superiore a quella presente al nord, che si darebbe libero sfogo alla rabbia verso i rom e potrebbe anche succedere l’irreparabile.

Sono intervenuti prima Salvatore Passariello e poi Lucio Iavarone per ribadire che lo scopo del Coodinamento non è quello di sostituirsi alle Istituzioni ma quello di svolgere una funzione unicamente di denuncia e stimolo all’azione, al massimo può essere di affianacamento e controllo. Le ronde sono pericolosissime in quanto possono costituire uno strumento non controllabile e rischioso per infiltrazioni non gestibili.

Lucio Iavarone ha ribadito che il Coordinamento diffonderà messaggi chiari e netti per evitare che si strumentalizzi il suo operato al fine di non innescare una pericolosa avversità verso la comunità Rom, che costituisce solo l’anello finale del problema e quindi solo una minima parte.

Il prof. Marfella prende la parola in merito e ribadisce che bisogna impegnarsi sulla raccolta delle firme, se si raggiunge un numero congruo di firme faremo un “rumore” esagerato. E se il tutto viene riportato anche sui giornali esteri la rilevanza sarà ancora maggiore.

Viene proposto da Luigi Costanzo di intervenire in maniera coordinata sui consigli comunali dei comuni indicati nella querela in modo da indire una seduta del consiglio comunale con argomento “monotematico” sul tema dei roghi. L’argomento verrà sicuramente ripreso nelle prossime riunioni del coordinamento in quanto sarà necessario organizzarsi con temi specifici da proporre nei consigli comunali.

Interviene Alfredo Mazza per chiedere di svolgere anche qualche azione di spinta concreta verso la Prefettura che fino ad oggi non ha mai dato seguito ai tavoli intercomunali istituiti in più battute. A breve si penserà ad una forma di pressione sulla Prefettura

Ciro Galiero chiede a conclusione dell’incontro che all’atto della consegna della querela al presidente della regione Campania Caldoro ci sia la presenza di tutti i comitati/associazioni con il loro seguito per esprimere con forza il dissenso di quanto fin qui detto e non fatto.

Lucio Iavarone descrive un altro punto fondamentale della strategia del Cordinamento che sarà il seguente: favorire, attraverso la massima sensibilizzazione e comunicazione diffusa, le denunce singole da parte dei singoli cittadini per ciascun rogo o discarica abusiva, denuncia da sporgere verso il sindaco del Comune in questione

Si da mandato all’avv. Vallo di apportare le modifiche approvate. Si attenderanno gli ok di tutti i referenti dei Comitati e associazioni al fine di inserirli quali promotori della querela. A conclusione di questa attività Ambrogio Vallo diffonderà la versione definitiva dell’atto. Da quel momento si partirà in maniera strutturata con la definizione dei punti di raccolte firme

b)      Si sta procedendo con la raccolta delle firme in alcuni casi anche prima della versione finale salvo specificare ai firmatari che si tratta di querela, si precisa che possono firmare su un foglio redatto presso un comune anche soggetti non residenti nel comune stesso. Si continuerà la raccolta delle firme fino alla fine di settembre. Intanto alcuni fogli con le apposite firme sono state già consegnati.

c)       La data e la sede della prossima riunione non è stata decisa ma verrà comunicata via e-mail o medioante la pagina FB del coordinamento dei comitati dei fuochi.

d)      Nei prossimi incontri si deciderà anche la prima data della giornata collettiva in tutti i Comuni con gazebo e banchetti mobili per le raccolte firme. Giornata che dovrà essere supportata da ampio risalto mediatico.

I lavori si chiudono all’incirca alle ore 22.30

Comitati e associazioni Partecipanti:

Referenti che rientreranno nella denuncia

COMITATO NO DISCARICHE COMUNI A NORD DI NAPOLI: Lucio Iavarone

COMITATO CASTAGNA (CASORIA): Ciro Galiero

VOCE PER TUTTI (CAIVANO): Raffaele Semonella

MANO BIANCA (CAIVANO): Giovanni Natale

OCCUPY CAIVANO: Giorgio Amico

COMITATO DONNE DEL 29 AGOSTO (ACERRA): Virginia Petrellese

COMITATO NO AI TRALICCI (FRATTAMAGGIORE): Luigi Costanzo

SOTTOTERRA MOVIMENTO ANTIMAFIE (FRATTAMAGGIORE): Luca De Cristofaro

PISTE CICLABILI DI FRATTAMAGGIORE: Marino Landolfo (presente delegato)

ATTIVAGRUMONEVANO: Angela De Rosa (presente delegato)

LEGAMBIENTE AFRAGOLA: Andrea Valentino (presente delegato)

CIRCOLO DEGLI UNIVERSITARI AFRAGOLA: Salvatore Iavarone (presente delegato)

ISDE MEDICI PER L’AMBIENTE NAPOLI E CASERTA: Antonio Marfella

WWF AGRO AVERSANO: Vincenzo Viglione (assente)

ASSOMAGGIORE (FRATTAMAGGIORE): Alberto D’Errico (presente delegato)

ARCIPUNTO99 (GRUMO NEVANO): Luigi Maisto

L’E.C.O. DELLA FASCIA COSTIERA (GIUGLIANO): Lucia De Cicco

COMITATO ZERO RIFIUTI INDUSTRIALI (CASALNUOVO): Bartolomeo Pepe

COMITATO NO DISCARICHE SCAMPIA: Bartolomeo Chimenti

ASSOC. ABITANTI ATTIVI (S.MARIA CAPUA VETERE): Novella Vitale

FED. ASSOCAMPANIAFELIX (GIUGLIANO-ACERRA-NOLA): Gennaro Esposito

COMITATO DIFESA AGRO NOLANO (ROCCARAINOLA): Gennaro Allocca (assente) non accetta di rientrare nella denuncia

COMITATO CONTRAMUNNEZZA (S.ARPINO): Loredana De Rosa (assente)

COMITATO ETHOS CASALNUOVO: Tonia Lezza (assente)

COMITATO CARDITO: Alfonso Saviano (assente)

A.L.T. (Ambiente-Legalità-Territorio) LA FENICE (Mariglianella): Leopoldo Esposito (assente)

ARIA PULITA (ARZANO): Andrea Spiezia (presente delegato)

Altri presenti:

Ambrogio Vallo (Voce per tutti – Occupy Caivano)

Chiara Bellisario (Acerra, Comitato NO Discariche Comuni a Nord di Napoli)

Salvatore Passariello (Acerra, Comitato NO Discariche Comuni a Nord di Napoli)

Vincenzo Percaccioli (Caivano, Parrocchia S. Paolo Apostolo)

Mario D’Errico (Assomaggiore, Frattamaggiore)

Raffaele Cimmino (cittadino Afragola)

Francesco Castaldo (Comitato Castagna – Casoria)

Daniela Scodellaro (Coordinamento Fuochi – Pomigliano d’Arco)

Rosanna Leone (Comitato Donne del 29 Agosto – Acerra)

Antonella Nuzzo (Comitato Donne del 29 Agosto – Acerra)

Mauro Pagnano (cittadino di Caivano)

Giuseppe Valentino (cittadino di Afragola)

Alfredo Mazza (ISDE)

Roberto Oliva

Presenti altri cittadini dei vari comuni di cui non è stato rilevato il nome

Annunci

Una Risposta to “Coordinamento comitati fuochi: il report completo della riunione del 17 luglio”

Trackbacks/Pingbacks

  1. Roghi tossici: comunicato stampa del Comitato No Discariche dei Comuni a Nord di Napoli « Comitato No discariche dei Comuni a Nord di Napoli - agosto 22, 2012

    […] Tutti i cittadini possono seguire le attività del Coordinamento su Facebook, nel gruppo http://www.facebook.com/#!/groups/191134277680931/ […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: