Le relazioni di ASL ed ARPAC dopo il sopralluogo alla Cantariello del 20 giugno

22 Giu

Oggi abbiamo appreso la notizia che il pomeriggio del 20 giugno l’ASL si è poi recata alla Cantariello per rispondere alla convocazione per il sopralluogo. Avevamo condannato con forza l’assenza dell’ASL nella mattinata e come vedete dalla relazione una buona parte iniziale è spesa per fare polemica circa un loro presunto invito ricevuto in ritardo.

A parte le polemiche a noi interessa la sostanza. LA SOSTANZA E’ CHE NELLE RELAZIONI SI EVIDENZIA IL CARATTERE D’URGENZA NEL PROCEDERE CON RILEVAMENTI, CARATTERIZZAZIONE DEI RIFIUTI, MESSA IN SICUREZZA E RIMOZIONE DEI RIFIUTI.

LA PROSSIMA SETTIMANA SARA’ CONVOCATO UN INCONTRO IN REGIONE, ALLA PRESENZA DELL’ASSESSORE ALL’AMBIENTE ROMANO, IN CUI SI DEFINIRANNO I PROSSIMI PASSI URGENTI DA COMPIERE.

Pubblichiamo qui di seguito le relazioni ARPAC e ASL (cliccate sulle immagini per ingrandirle) inviate oggi alla Commissione Regionale Bonifiche presieduta dall’on. Antonio Amato, il cui ufficio stampa ha provveduto ad inviarci questa dichiarazione:

Antonio Amato (Presidente Commissione Regionale Bonifiche e Ecomafie): «Cantariello, relazioni di ARPAC e ASL confermato il nostro allarme: quell’area è una bomba ambientale che deve essere rimossa»

 «Le relazioni dell’ARPAC e dell’Asl successive al sopralluogo realizzato da questa commissione al Cantariello di Casoria mercoledì scorso, confermano quanto avevamo già evidenziato: la necessità di agire urgentemente per mettere in sicurezza il sito, rimuovere i rifiuti, caratterizzarli e addivenire ad una bonifica dell’area i cui fumi e combustioni sono determinati dalla presenza di biogas che, probabilmente a causa di rotture di bolle in profondità, fuoriesce all’esterno, determinando un odore acre e nauseabondo e un grave rischio per la salute dei cittadini» lo afferma il Presidente della Commissione Regionale Bonifiche ed Ecomafie Antonio Amato che questa mattina ha ricevuto le relazioni dell’Agenzia Regionale di Protezione Ambientale e dell’Azienda Sanitaria Napoli 2 Nord «Bisogna agire urgentemente senza più tentennamenti per rimuovere quei rifiuti e capire la loro natura. La complessa vicenda giudiziaria ha rallentato i tempi di bonifica del sito, oggi non si può ulteriormente attendere. Anche gli organi preposti confermano l’allarme e l’urgenza dell’azione che, con i cittadini e il Comitato No discariche dei comuni Area Nord di Napoli , avevamo lanciato. Interesseremo la prefettura, l’assessorato regionale e tutti gli altri organi competenti. Ricordo solo» afferma Amato «che quell’area individuata dal Commissariato ai rifiuti nel 2001 come sito di stoccaggio provvisorio, era stata sequestrata proprio per sversamenti anomali. C’è il sospetto che lì sotto ci sia finito di tutto, non solo rifiuto urbano indifferenziato. Di certo» conclude il Presidente della Commissione Regionale «anche a fronte della documentazione acquisita, la fuoriuscita continua di biogas rende il Cantariello una bomba ambientale che bisogna urgentemente rimuovere».

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: