Riprendono le attività del Comitato: ma prima… tracciamo un bilancio dei primi otto mesi

6 Set

Il nostro Comitato è nato a gennaio di quest’anno sull’onda dell’indignazione determinatasi con l’ennesima crisi rifiuti scoppiata in provincia di Napoli a fine 2010. L’evento che ha determinato la scelta, da parte di un gruppo di persone residenti nei Comuni a Nord di Napoli (Afragola, Acerra, Casalnuovo, Casoria), di impegnarsi in prima persona costituendo un comitato che rappresentasse le istanze dei cittadini è stata l’ennesima dimostrazione dell’incapacità delle Istituzioni locali (Provincia di Napoli in primis, ma anche Regione Campania e molti Comuni) ad affrontare seriamente il problema nell’interesse della salute pubblica.

Il continuo ricorso, anche contro il parere della Comunità Europea, a piani che prevedono unicamente discariche e incenerimento dei rifiuti, assolutamente dannose per la salute, hanno costretto i cittadini stessi ad informarsi circa soluzioni ecosostenibili adottate in altre parti del mondo e che hanno risolto definitivamente il problema dello smaltimento rifiuti. Vedi negli Sati Uniti i casi di San Francisco, San Diego, Los Angeles. In Italia esistono in Toscana casi di piccoli Comuni che hanno avviato strategie di rifiuti zero e che ad oggi sono i precursori di un ciclo virtuoso dei rifiuti a 360 gradi. Siamo in contatto con loro, la Campania, solo grazie ai cittadini, vuole percorrere quelle orme.

Tutti i Comitati della Campania, e così anche il nostro, sono nati in seguito alla possibilità di insediare o in alcuni casi estendere discariche sui propri territori. A Giugliano (Taverna del Re), nel Vesuviano e in tutti i territori già martoriati da decenni di sversamenti tossici legali e illegali, che hanno rapidamente saturato la capacità di dette discariche, i Comitati sono stati i primi ad iniziare estenuanti lotte con le Istituzioni locali. A Giugliano, nonostante le rassicurazioni della Protezione Civile ricevute nel 2008, nella persona di Guido Bertolaso, si è scoperto poi che per anni si perpetravano azioni criminali di sversamento di percolato in mare che hanno forse irrimediabilmente distrutto un patrimonio naturale. A Terzigno è stata più volte messa sotto sequestro la discarica per infiltrazioni camorristiche nella gestione della stessa.

È chiaro che oggi, appena si nomina un territorio come possibile sito di discarica i cittadini protestino vivacemente contro una sciagurata ipotesi di questo tipo, che potrebbe rapidamente tradursi in appetibile sversatoio da parte della criminalità per i rifiuti tossici provenienti dalle industrie del nord.

È così quindi che è nato anche il nostro Comitato, dopo che il Presidente della Provincia di Napoli, Luigi Cesaro, ha nominato, a fine 2010, Afragola e dintorni come possibile sito di una discarica.

Ci siamo dapprima indignati, ben consci dello scempio ambientale a cui è già sottoposto da anni il nostro territorio e a cui saremmo andati ulteriormente incontro, poi abbiamo iniziato un percorso che ha consentito una rapida crescita nella strategia e negli obiettivi del nostro Comitato.

Da subito ci siamo confrontati con gli altri Comitati che avevano sicuramente più esperienza di noi: Terzigno, Boscotrecase, Chiaiano, Giugliano. Abbiamo costituito una rete di comitati denominata ‘Rete di Cittadini Campani per un piano alternativo dei rifiuti’, con la quale abbiamo promosso e organizzato il ‘Monnezza day’ svolto a Napoli il 9 aprile scorso e che ha avuto grosso riscontro sui media locali e nazionali.

Abbiamo aderito subito alla rete Commons, consapevoli che la gestione dei rifiuti, l’ambiente e la salute pubblica siano dei Beni Comuni fondamentali da salvaguardare per la collettività.

Abbiamo organizzato in questi mesi vari gazebo informativi ad Afragola per informare i cittadini circa lo scempio ambientale e gli obiettivi del nostro Comitato. Abbiamo realizzato materiale video e cartaceo a sostegno del nostro programma e delle nostre idee che abbiamo diffuso tra la gente per strada e tramite web. Abbiamo creato un nostro blog dove è possibile informarsi su tutte le nostre iniziative ed iscriversi al Comitato per partecipare direttamente.

Abbiamo sensibilizzato, denunciato, assediato le amministrazioni dei Comuni di Afragola, Acerra, Casalnuovo, Casoria, Frattamaggiore affinché dimostrino con i fatti di puntare ad un ciclo virtuoso dei rifiuti. In alcuni casi abbiamo ottenuto risultati interessanti, come ad Acerra e a Casoria. In altri casi è stata più forte l’azione di denuncia in quanto ci siamo ritrovati di fronte delle amministrazioni sorde e non sensibili al problema come nel caso del Comune di Afragola. Il 20 luglio abbiamo partecipato, a Frattamaggiore, ad un convegno sul tema rifiuti con un tavolo aperto ai sindaci dei Comuni di Frattamaggiore, Casoria, Caivano, Crispano, Casavatore. Lì abbiamo consegnato un documento col programma del nostro Comitato e con l’azione che vogliamo determinare nell’area a Nord di Napoli. Il documento è stato accolto con favore, adesso chiederemo dei tavoli tecnici in ognuno di questi Comuni per monitorare i progressi nella realizzazione di questo piano rifiuti.

Abbiamo partecipato a convegni in vari Comuni della Provincia di Napoli (Arzano, Pomigliano, Acerra) in cui abbiamo con forza riaffermato gli obiettivi che come cittadini vogliamo raggiungere con una spinta di partecipazione dal basso per arrivare ad un ciclo virtuoso ed ecosostenibile dei rifiuti. Il nostro programma, punto per punto, è pienamente condiviso con gli altri Comitati Campani e l’azione che ogni Comitato svolge sul proprio territorio di competenza è di fondamentale importanza per il raggiungimento dell’obiettivo comune.

Abbiamo dato l’avvio nel Comune di Napoli ai primi atti amministrativi del nuovo piano rifiuti della giunta De Magistris. Con Sodano abbiamo aperto un tavolo di partecipazione con strumenti di democrazia partecipata. Stiamo varando, e monitoreremo affinché sia così, insieme alla Giunta di Napoli un piano che vuole essere rivoluzionario rispetto al passato e che faccia definitivamente a meno di discariche ed inceneritori. Adesso è il momento di realizzare l’impiantistica che è fondamentale per la partenza di questo piano e per la buona riuscita della raccolta differenziata. Pur tra mille difficoltà, dei passi avanti si stanno facendo ma la strada è ancora lunga. Ad inizio agosto è stato siglato un protocollo d’intesa tra il Comune di Napoli e il centro di riciclo di Vedelago (responsabile Carla Poli) per la realizzazione di un impianto a freddo di trattamento meccanico manuale per il recupero della materia. In quell’occasione anche l’amministrazione comunale di Casoria ha incontrato Carla Poli per ricevere informazioni in merito alla realizzazione di un impianto di questo tipo.

Abbiamo elaborato un Progetto (Adotta un quartiere) che stiamo condividendo con tutti i Comitati Campani per aiutare il Comune di Napoli, con il nostro operato volontaristico, nella fase di start up della raccolta differenziata a tappeto in varie zone della città. Si tratta di un progetto articolato che dà grande spazio al libero e gratuito contributo di comitati, associazioni e liberi cittadini per fare in modo che aumenti la sensibilità delle masse verso l’importanza di una corretta differenziata.

Abbiamo aspramente denunciato le Istituzioni preposte quando hanno preso nuove decisioni a scapito del nostro territorio individuando siti di trasferenza (che purtroppo hanno tutta l’aria di diventare permanenti) ad Acerra e Caivano. Continueremo ad agire denunciando e facendo sentire il fiato sul collo alle Istituzioni.

Ad Afragola abbiamo costruito ad hoc il nostro biglietto da visita garantendo il buon funzionamento della raccolta differenziata nel Parco ‘La nuova casa’ nel quartiere Salicelle. Col nostro contributo abbiamo dimostrato che i cittadini vogliono fare la differenziata e che basta seguirli, dargli fiducia, fare un buon progetto di comunicazione e partecipazione nella fase di start up per garantirsi degli ottimi risultati. Adesso il Comune di Afragola è in scacco, non può dire che la differenziata non sia recepita bene dai cittadini in quanto noi possiamo dimostrare il contrario.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: