Il Comitato partecipa alla grande manifestazione di Quarto: no alle discariche, a Cava Spinelli come altrove

29 Gen

 

Ecco il testo del servizio realizzato in occasione della manifestazione tenutasi a Quarto sabato 29 gennaio 2011:

 

 

Associazioni, partiti politici, sindacati, comitati e semplici cittadini del territorio di Quarto e delle zone limitrofe si sono dati appuntamento sabato 29 gennaio, per protestare contro l’ipotesi, avanzata dalla Provincia di Napoli, dell’apertura di una discarica nel sito di Cava Spinelli, nell’immediata periferia del comune flegreo. Oltre a questo, però, gli obiettivi principali della manifestazione erano, da un lato, quello di dire un no generale alla logica di un ciclo dei rifiuti basato su discariche ed inceneritori che fino ad oggi ha solo devastato il territorio della Campania e permesso l’infiltrazione delle organizzazioni criminali, e dall’altro, quello di informare la popolazione sulle possibilità e sui vantaggi di una gestione virtuosa di tale ciclo, basata su riduzione a monte, raccolta differenziata, riciclo e riuso dei materiali, ed attuata attraverso la costruzione di isole ecologiche, impianti di compostaggio e recupero dei materiali a basso impatto ambientale, sul modello di quello attualmente in funzione nel Comune veneto di Vedelago. Una gestione che preveda magari anche, al posto dell’attuale TARSU, Tassa sui Rifiuti Solidi Urbani basata sui metri quadrati degli immobili condotti, l’istituzione di una TIA, Tariffa sull’Igiene Ambientale basata invece sulle quantità di rifiuti effettivamente prodotti dai singoli cittadini, che andrebbe a premiare gli utenti più virtuosi in materia di gestione dei rifiuti.

Il corteo, partito alle ore 14 dalla Villa Comunale, ha attraversato alcune delle principali strade cittadine, tra cui la centralissima Via Campana, per concludersi proprio all’ingresso della cava. Davvero massiccia l’affluenza, stimata in oltre diecimila persone, così come la partecipazione delle organizzazioni della società civile, dalle associazioni ambientaliste come Legambiente ed il WWF, ai sindacati come CISL e CGIL, ai partiti politici, fino ai comitati No discarica nati in questi anni sui territori più devastati dalla tragica emergenza rifiuti come Chiaiano, Pianura, Giugliano, Terzigno ed Acerra. E tra questi ultimi c’era anche un rappresentanza del Comitato No Discariche dei Comuni a Nord di Napoli, che ha sfilato con un cartello che testimoniava la sua solidarietà e vicinanza agli abitanti di Quarto e che ha ricevuto per questo sentiti apprezzamenti da parte di alcuni dei partecipanti al Corteo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: